Campania: De Luca, no ai Navigator aumentano il precariato

NAPOLI – «Col decreto Dignita’ Di Maio aveva detto mai piu’ precariato in Italia. Poi hanno presentato una proposta per i navigator ai quali propongono un contratto da co.co.pro, cioe’ altro precariato promosso dal pubblico, non dal privato. Il contratto dei navigator legittima il doppio lavoro, avvocati e tecnici fanno il loro lavoro professionale e il sabato e la domenica fanno i navigator e si prendono tra i 2-3mila euro al mese, facendo concorrenza sleale al suo collega». Cosi’ Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, intervenuto a LiraTv. Ai navigator abbiamo detto no – spiega – perche’ non vogliamo riprodurre precariato in Campania. La Corte Europea ha condannato l’Italia per uso eccessivo di precari nella Pa. Anpal si impegni a stabilizzare i giovani che ha selezionato sulla base di una formazione professionale seria».

campania, De Luca, navigator


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080