Genoa-Fiorentina (domenica, 20,45, su Sky), Montella: «Test duro». Mercato: Politano o De Paul? Formazioni

Riccardo Sottil

GENOVA – Dai microfoni di Lady Radio, stamani 31 agosto, ho detto che Montella deve assolutamente vincere la partita di domani, 1 settembre, a Marassi contro il Genoa. E alcuni ascoltatori hanno chiamato per darmi del pessimista. O addirittura del disfattista. Ho replicato dichiarandomi semplicemente realista. L’allenatore, che in campionato non ha mai vinto da quando è tornato a Firenze, non dovrebbe presentarsi alla partita con la Juve, alla ripresa del campionato, con un punto, o, peggio ancora, a zero. Una classifica così negativa sarebbe in contrasto con il grande entusiasmo portato da Commisso, il quale sarà anche a Marassi, con tutta la famiglia, a sostenere la squadra. Pensa addirittura, se ci sarà la possibilità, a un giro di campo, tipo show all’americana. Il presidente partirà per Genova domattina, mentre la squadra ha preso l’aereo oggi pomeriggio, alle 16, da Peretola. Con un po’ d’anticipo per evitare possibili raffiche di vento. Almeno 900 i tifosi viola  che raggiungeranno Genova.

Commisso con il figlio, Antognoni e Dainelli all’allenamento di rifinitura della Fiorentina

MARASSI – Commisso, lo si capisce, non ci starebbe a perdere la seconda partita consecutiva, visto il grande impegno e la voglia di fare che lo hanno spinto arrivando a Firenze. Di sicuro vorrà un altro colpo di mercato entro lunedì due settembre: le voci più insistenti riguardano Politano dall’Inter (con conguaglio possibile nella trattativa che potrebbe portare Rebic in nrazzurro) e Pedro dalla Fluminense. Ma l’obiettivo vero resta De Paul. Vero, non vero? Aspettiamo. E intanto, ripeto concentriamoci su una partita assolutamente delicata, contro un Genoa a due facce: quella di chi ha segnato tre gol a Roma. E quella di chi ha incassato tre gol dalla Roma. Vanno dimenticati gli scandali arbitrali che hanno danneggiato i viola contro il Napoli e vanno evitati gli errori difensivi. Milenkovic, l’ho detto e lo ripeto, mi aveva ricordato Tomovic nella disastrosa respinta corta capace di mettere Mertens in condizione di pareggiare. Morale? Serve grande determinazione. E non sbagliare formazione. Davanti vedo indispensabile, almeno all’inizio, Vlahovic, in mezzo a Chiesa e Sottil. Con Boateng pronto a subentrare. In difesa, accanto a Lirola, Milenkovic e Pezzella, dovrebbe tornare Ranieri, preferito, a quanto pare, a Dalbert, che sembrava sicuro, fino a venerdì sera di debuttare dal primo minuto a Marassi. Dalbert, invece, dovrebbe sedere in panchina,accanto a Caceres e a Ribery, pronti tutti per ogni evenienza.

L’allenamento di rifinitura della Fiorentina: con Caceres, ancora non pronto per giocare

MONTELLA – L’allenatore viola, Vincenzo Montella, presenta il match così: «La partita di Genova è estremamente difficile, in uno stadio che carica. Quella rossoblu’ è una squadra che sa quello che vuole e con una rosa funzionale alle idee del nuovo allenatore, ci sarà davvero bisogno della miglior Fiorentina. Mi spiego: se contro il Napoli era più facile provare ad essere la migliore Fiorentina, domani sarà più difficile perchè c’è ancora il mercato aperto. Ci sono le distrazioni, i complimenti che probabilmente non tutti noi siamo abituati a ricevere e questo ci può aver distratto un po’. Domani sarà una battaglia sportiva vera e ci sarà bisogno della massima concentrazione. E’ un test, mi aspetto che la squadra risponda con la stessa aggressività, la stessa concentrazione, lo stesso entusiasmo e lo stesso coraggio avuti contro il Napoli».

GENOA – Da parte ua, Aurelio Anreazzoli, allenatore del Genoa, respira di sollievo: «Finalmente nel nostro stadio. Ci aspettiamo
un grande spettacolo, mi aspetto dai miei giocatori il massimo, per essere all’altezza delle aspettative, ma mi aspetto anche una
Viola offensiva. Non mi aspetto nè chiedo niente al pubblico, chiedo alla mia squadra di offrire il massimo ai tifosi. Dobbiamo sempre dare e mai chiedere – ha spiegato -. Non ho ancora avuto molto tempo per girare la città, sono quasi sempre dentro Villa Rostan. Spero di essere all’altezza dei complimenti dei tifosi che ho incontrato, li ringrazio e spero di ripagare questa fiducia».
Ancora due giorni di mercato, Andreazzoli avrebbe preferito una chiusura anticipata in stile Premier League: «Personalmente non mi piace giocare con il mercato aperto; il disturbo per i giocatori è normale. Per quel che riguarda la formazione noi recuperiamo
gli squalificati e valutiamo Saponara».

Probabili formazioni

Genoa (3-5-2): Radu; Romero, Zapata, Criscito; Ghiglione, Lerager, Schöne, Radovanovic, Barreca; Pinamonti, Kouamé. Allenatore: Aurelio Andreazzoli

Fiorentina (4-3-3): Dragowski, Lirola, Milenkovic, Pezzella, Ranieri (Dalbert); Castrovilli, Badelj, Pulgar; Chiesa, Boateng (Vlahovic), Sottil. Allenatore: Vincenzo Montella

Arbitro: Giacomelli di Trieste

Aurelio Andreazzoli, De Paul, Fiorentina, Genoa, Politano, Rocco Commisso, Vincenzo Montella


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080