Brexit: Johnson chiederà elezioni anticipate se verrà approvata legge anti no deal

Boris Johnson

LONDRA – Se la Camera dei Comuni approverà la legge anti no deal, si andrà ad elezioni anticipate. Lo ha annunciato il premier Boris Johnson, dopo che la maggioranza dei deputati ha dato il via libera all’iter legislativo del provvedimento che obbligherebbe il governo a chiedere a Bruxelles un nuovo rinvio della Brexit. La mozione per chiedere lo scioglimento anticipato del Parlamento verrà presentata stasera, ha annunciato il premier.

Saranno espulsi dal gruppo parlamentare i 21 ‘ribelli’ tories che ieri sera con il loro voto contrario alla linea del premier Boris Johnson hanno permesso l’approvazione da parte della Camera dei Comuni della mozione che avvia l’iter del progetto di legge che punta ad impedire la Brexit senza accordo il prossimo 31 ottobre, obbligando il governo a chiedere all’Unione Europea un rinvio fino al 31 gennaio del 2020. Lo riporta la ‘Bbc’, spiegando che i 21 espulsi non potranno candidarsi alle prossime elezioni con i conservatori. Tra i ribelli ci sono esponenti di spicco dei tories come Kenneth Clarke, ex cancelliere dello Scacchiere nel governo Major e veterano dei Comuni, che ha affermato di non riconoscersi più nel partito.

johnson. elezioni, no deal


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080