Qualificazioni Euro 2020

Finlandia-Italia (stasera, 20,45, Rai1): Mancini per la sesta vittoria. Chiesa fuori. Formazioni

di Paulo Soares - - Cronaca, Sport

Belotti in azione: vuole segnare anche in Finlandia

TAMPERE (FINLANDIA) – Abita a 705 chilometri da qui, a Rovianemi, Babbo Natale, forse già indaffarato a mettere nelle scatole i regali da consegnare il 25 dicembre. Diciamo che sarebbe transitato da qui per dare in omaggio alla Finlandia il rigore di Pukki, che ha offerto la vittoria sulla Grecia. Forse era anche a Yerevan, per dare agli azzurri l’uomo in più capace di agevolare il percorso verso i tre punti degli azzurri in Armenia.  Stasera, durante Finlandia-Italia (0re 20,45 italiane, diretta Rai1) si farà vedere, Babbo Natale, nello stadio di Tampere? I finlandesi vogliono vendicarsi del 2-0 dell’andata e agganciare l’Italia in testa alla classifica del girone J. L’eroe nazionale è il cannoniere Teemu Pukki. Sperano nei suoi gol per superare la difesa azzurra. Roberto Mancini dirà a Bonucci e soci di mettergli il bavaglio. Markku Kanerva, il tecnico finnico, ha sparso ampie doti di ottimismo sui suoi e sul pubblico di Tampere che sosterrà la squadra di casa in quella che sarebbe un’impresa che viene già definita storica. Intanto si sa che Chiesa resterà fuori squadra. Mancini vuole che Federico si faccia fare uno scatto d’orgoglio. E’ la medicina giusta? Vedremo

PUKKI – Come a Yerevan,  teme invece che la miglior preparazione degli avversari, eredi del grande Jari Litmanen che militò nell’Ajax, possa provocare qualche guaio alla difesa azzurra. I finnici giocano quasi tutti all’estero e, a parte Pukki (Norwich City), il portiere Hradecky milita nel Bayer Leverkusen, il terzino Uronen nel Genk (Belgio), l’attaccante Lod nello Sporting Gijon ecc. Insomma, non è un avversario sprovveduto e da sottovalutare, come sostiene (giustamente) il nostro c.t. per cui tutte le gare sono difficili, al giorno d’oggi. La suggestiva Tampere, fra laghi e fiumi, nasconde trappole e Mancini, marinaio di lungo corso, lo sa. Così cercherà di dare maggior robustezza al centrocampo che sarà privo dello squalificato Verratti, al cui posto giocherà Sensi, aggiungendo un Lorenzo Pellegrini in più, dopo la buona prova di Yerevan. Vedremo quale posizione gli farà assumere in campo: ha detto che il romanista dovrebbe giocare piu’ in mezzo che in avanti. Sperando che i nostri non siano autori di una falsa partenza, come quella sfoggiata in Armenia, Mancini confida di vedere dall’inizio una prova come quella della seconda parte della gara. E magari un Belotti ancora più efficace di quello, già pericoloso, della scorsa partita, dando magari qualche minuto a Immobile e a
qualche altro elemento che scalpita come Izzo e El Shaarawy. Ma le formazioni sono segreti di stato, come quella dei finlandesi.
Perche’ regalare vantaggi agli avversari? E’ questa la domanda retorica fra gli addetti ai lavori del calcio, che vivono di frasi
fatte che ci regalano a piene mani, contagiandoci inevitabilmente.

MANCINI – E infatti il c.t., davanti alla domanda sulla posizione di Pellegrini, ha risposto con una battuta: «Ci sono i giornalisti finlandesi e bisogna dire la verita». Poi ha ripetuto quello che avevamo più o meno sentito prima della partita di Yerevan: «La loro condizione è migliore della nostra. I nostri non sono al 100 per cento e hanno affrontato viaggi pesanti. Dovrò decidere dopo gli ultimi allenamenti. La cosa positiva è che abbiamo ripreso a segnare e siamo venuti qui per continuare a vincere, anche se sarà difficile perche’ la Finlandia non ha subito gol in casa e può qualificarsi». Qui c’e’ un clima già autunnale e non è escluso che piova, come capita spesso. A chi farà maggior comodo giocare nel fango? Riassumendo, la nostra Nazionale spera di vincere la sesta partita
consecutiva del girone: passando da quota 15 a 18, sarebbe poi difficile per gli inseguitori (la stessa Finlandia ha 12 punti, la
Bosnia 7 e gli altri meno) raggiungere o scavalcare gli azzurri. Ma nel calcio non si sa mai. Una sconfitta porterebbe a un
aggancio dei finlandesi a quota 15 e, nonostante il bel percorso netto fatto finora dagli azzurri, accenderebbe le polemiche. E
scatenerebbe critiche sul capo del c.t., sul cui volto si potrebbe spegnere quel perenne sorriso permeato di ottimismo che ha (quasi)
sempre sfoggiato finora. A ragione.

Probabili formazioni

Finlandia (4-4-2): Hradecky; Granlund, Arajuuri, Toivio, Uronen; Skrabb, Sparv, Kamara, Forsell; Pukki, Lod. CT: Karneva.
Italia (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Romagnoli, Emerson; Barella, Jorginho, Sensi; Bernardeschi, Belotti, Pellegrini. CT: Mancini.

Tag:, , , ,

Paulo Soares

Paulo Soares

redazione@firenzepost.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: