Le parole del senatore Verini

Elezioni Umbria: nessun accordo per ora con il M5S, il Pd boccia la candidatura della sindaca di Assisi

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

Valter Verini – Basilietti

PERUGIA – In attesa dell’esito della consultazione sulla piattaforma Rousseau, indetta per oggi dal M5s, sulla realizzazione del Patto civico per l’Umbria, il Pd insiste sull’accordo con i pentastellati. Con M5S «c’è una comune volontà di lavorare fino all’ultimo momento utile per una convergenza innanzitutto sui programmi, per migliorare la vita dei cittadini dell’Umbria». Lo ha detto il commissario umbro del Pd, Walter Verini, intercettato dai cronisti a Montecitorio parlando del patto civico in vista delle regionali e della scelta del candidato governatore. «Per questo – ha aggiunto – sono fiducioso che al più presto si possano trovare convergenze anche su figure unificanti ed autorevoli per scrivere, insieme a una larga coalizione, nuove pagine della vita dell’Umbria».

Ma per ora non c’è accordo fra i due gruppi. Il Pd boccia la possibile candidata M5S e i pentastellati non gradiscono il candidato Fora, presentato dal partito di Zingaretti.

Non è un no sulla persona ma un atto di coerenza rispetto al principio che i sindaci devono finire il loro mandato, “principio che abbiamo sempre sostenuto”. Il Pd trova una formula ‘cortese’ per respingere la proposta, lanciata dall’umbro M5S Filippo Gallinella, di candidare Stefania Proietti, sindaco di Assisi, alla presidenza della regione. Già nei giorni scorsi, da parte dei dem, l’ipotesi Proietti era già stata valutata come poco percorribile. “Una candidatura troppo debole”.

Sicuramente più debole di Andrea Fora, ex-presidente di Confcooperative Umbria, che resta al momento il candidato sostenuto dal Pd a cui, dicono i dem, sarebbe comprensibile chiedere un passo indietro solo in presenza di un nome di altissimo profilo. Come potevano essere quelli di Brunello Cucinelli e Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont e presidente di Terna. Entrambi però hanno declinato. E il tempo stringe. “Da parte nostra nessun ultimatum, ma una decisione va presa”, dicono dal Nazareno.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail