Ancora scontri e arresti

Barcellona: protesta catalani, tre arresti, 170 feriti, voli sospesi all’aeroporto

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

BARCELLONA – Feriti, arresti e voli sospesi nel secondo giorno di proteste in tutta la Catalogna dopo le condanne shock di ieri nei confronti dei leader separatisti catalani. Un manifestante ha perso un occhio e un altro un testicolo negli scontri con i Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, riferiscono i media spagnoli. I feriti sono in totale 131 tra i manifestanti e 40 tra gli agenti, tre gli arrestati. All’aeroporto  di Barcellona, El Prat, sono stati sospesi 45 voli sui mille in programma. Funzionano invece regolarmente i treni. Il ministro dell’Interno, Fernando Grande-Marlaska ha annunciato l’apertura di un’inchiesta su chi c’è dietro ‘Tsunami Democratic’, che ieri ha organizzato la protesta di ieri allo scalo di Barcellona.

Ma in rappresentanti politici catalani insistono nella richiesta di autonomia. «Ci dicono che non possiamo parlare del diritto all’autodeterminazione. Bene, non solo ne parleremo, ma lo eserciteremo di nuovo». E’ quanto scrive su Twitter il presidente della Generalitat de Catalunya, Quim Torra, all’indomani della sentenza nel processo ai leader separatisti catalani. Torra oggi ha reso omaggio alla tomba di Lluís Companys, presidente della Generalitat de Catalunya dal 1934 e durante la Guerra civile spagnola, fatto fucilare dal dittatore spagnolo Francisco Franco nel 1940. Torra, secondo quanto riferisce La Vanguardia, ha anche chiesto al governo di riconoscere il “crimine di stato” contro Companys per fare “giustizia”.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: