Le politiche del Governo tedesco

Germania: dopo Audi anche Daimler si appresta a licenziare decine di migliaia di lavoratori

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Giuseppe Conte  Angela Merkel

BERLINO – Le politiche della Merkel, e dei suoi predecessori, tese a favorire l’economia tedesca, anche a costo di sacrificare quelle degli altri partners europei, stanno dando frutti negativi anche per l’economia nazionale. Da una parte i dazi usa e quelli cinesi ostacolano le esportazioni teutoniche, dall’altro, impoveriti i principali paesi europei, i tedeschi non hanno altri sbocchi per le loro merci. E le miopi politiche governative cominciano a ritorcersi proprio contro la Germania.

Dopo l’annuncio choc arrivato nei giorniscorsi da Audi (che punta a tagliare quasi 10 mila posti e ridurre la produzione in due stabilimenti) un altro big dell’industria automobilistica tedesca – Daimler – comunica l’intenzione di eliminare migliaia di posti di lavoro in tutto il mondo nei prossimi due anni, per compensare gli enormi costi di investimento nella mobilità elettrica. Il gruppo aveva già anticipato la volontà di eliminare circa un decimo delle posizioni manageriali a livello globale, ma ora aggiunge l’intenzione di ridurre gli organici anche sul fronte amministrativo mentre sarebbero esclusi dai tagli gli addetti agli impianti produttivi.

Daimler ha concordato una ‘garanzia sul lavoro’ con le rappresentanze dei lavoratori, che fino alla fine del 2029 tutela da licenziamenti obbligatori il personale operativo in Germania. Sottolineando come l’industria automobilistica sta attraversando la più grande trasformazione della sua storia. Daimler ha annunciato la volontà di procedere alla riduzione del personale in una maniera socialmente responsabile e di utilizzare la mobilità naturale per tagliare i posti vacanti. Il gruppo automobilistico, che impiega direttamente 130.000 persone in Germania, ha aggiunto che incentivi alle dimissioni saranno offerti ai dipendenti più vicini alla pensione.

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: