Romania: si testa sistema di previsione terremoti, con 4 ore di anticipo

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

BELGRADO – Ricercatori del Politecnico di Bucarest (Upb), in Romania, effettueranno in partnership con l’impresa israeliana Ionoterra test su un “sistema” che sarebbe “in grado di rilevare i terremoti con almeno quattro ore di anticipo”. Lo ha riferito il portale specializzato Romania Insider, citando informazioni dell’agenzia di stampa romena Mediafax. “Il sistema dovrebbe essere in grado di rilevare il livello, l’intensità e la posizione approssimativa di un terremoto e sarà testato nella regione romena di Vrancea”, ha precisato il portale.

I sistemi di allarme sismico più avanzati oggi in uso possono inviare delle allerte alla cittadinanza solo secondi prima che un sisma dispieghi tutta la sua potenza. Il sistema di rilevamento che sarà studiato in Romania, ancora in fase concettuale, è stato sviluppato da Ionoterra, una società israeliana e promette di essere in grado di prevedere con più largo anticipo un terremoto. “In questo momento, i nostri colleghi ricercatori stimano un tempo di rilevamento di circa otto ore e, secondo i calcoli effettuati dal Politecnico, siamo convinti di poter avere informazioni estremamente credibili in un minimo di quattro ore” da un potenziale sisma, ha sostenuto il rettore dell’Upb Mihnea Costoiu, citato da Mediafax. Il nuovo sistema di rilevamento è già stato testato in Grecia e Turchia e ora sarà sottoposto a prove nella regione di Vrancea, in Romania, dove si è originato un catastrofico terremoto nel 1977, hanno aggiunto i media locali.

Ionoterra è un “sistema” che permette “per la prima volta di predire e allertare la popolazione prima di un terremoto, almeno otto ore prima di un sisma catastrofico, con più del 90% di precisione”, sostiene l’azienda israeliana sul suo sito web

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: