Agrigento: preside rinuncia alla messa di Natale per rispetto delle altre tradizioni. Polemiche politiche

Agrigento

AGRIGENTO – Niente messa di Natale in una scuola di Agrigento. Accade all’Istituto comprensivo di Agrigento-Centro, dove la decisione della preside Anna Gangarossa sta scatenando un vespaio di polemiche. A fare la voce grossa gli esponenti della Lega, che si dicono indignati.
«Nessuno tocchi o metta in discussione le nostre tradizioni cristiane. Ne’ a scuola, ne’ in altri ambiti, dichiara il
commissario della sezione di Agrigento della Lega, Francesco Di Mare, secondo cui la liberta’ di pochi non puo’ essere garantita a spese della liberta’ dei molti».
La dirigente scolastica, allineandosi alla moda progressista di rinuncia alle nostre tradizioni,  avrebbe deciso di annullare il tradizionale precetto natalizio, previsto all’interno della Basilica dell’Immacolata, dopo la richiesta di alcuni genitori atei degli alunni che frequentano le scuole elementari e medie della Lauricella e della Garibaldi. E per rispettare tutte le minoranze presenti negli Istituti, la preside Anna Gangarossa ha deciso di festeggiare il Natale con alcune manifestazioni alternative. Ma il malcontento dapprima e’ esploso sui social e poi ha scatenato anche la reazione di alcuni esponenti politici locali.

Anche Salvini all’attacco della preside: «Vergogna, incredibile vergogna! La mia solidarieta’ a tutti i bimbi, agli insegnanti e ai genitori a cui viene negato il bello del Natale, nel nome di una inaccettabile sottomissione culturale e valoriale. Inviero’ personalmente un presepe a questa preside, che evidentemente ha fallito nella sua missione educativa».

Messa, natale, preside


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080