Bufera nel dopopartita

Fiorentina derubata: la Juve vince con due rigori (3-0). Commisso: «Sono disgustato». Pagelle

di Sandro Bennucci - - Cronaca, Primo piano, Sport

Chiesa affrontato da Deligt, autore del terzo gol juventino (Foto Violachannel)

TORINO – Due rigori contro la Fiorentina. Che gioca i primi 40 minuti in maniera gagliarda, mette paura alla Juve e quindi viene punita due volte dal dischetto da Cristiano Ronaldo. Per Rocco Commisso è uno scandalo. Ai telecronisti che cercano di calmarlo replica: «Sono sette mesi che sto zitto. Ora basta. Sono disgustato. Sono gli arbitri che decidono le partite. La Juve non ha bisogno di questi aiuti. Siamo stati penalizzati contro Inter e Genoa dove non ci hanno concesso due rigori. Oggi ne hanno dati due incredibili alla Juve. La penso così. Se mi vogliono multare lo facciano». Anche per me, questa vittoria della Juve rasenta lo scandalo. Anche se alcuni rigorosissimi colleghi mi fanno notare che sì, a norma di regolamento, il pallone colpito da Pezzella, in maniera del tutto fortuita, doveva essere punito con il tiro dal dischetto. E anche il rigore della ripresa, per l’intervento di Ceccherini in area di Bentancur, ci stava. Io sostengo che il mani di Pezzella è pura invenzione: ha cercato di fare di tutto per non toccare quel pallone che gli era stato calciato addosso da Pjanic. Doveva tagliarsi il polso? Ma dai. Anche il secondo rigore è un atto di generosità per la Juve, ma dico che Ceccherini è stato molto ingenuo. E ribadisco che non può essere lui uno dei difensori centrali della Fiorentina. Arranca, si arrabatta, combatte, ma alla fine l’erroraccio lo commette quasi sempre. Anche per sfortuna. Come capitava a Tomovic. Per fortuna, con il ritorno di Milenkovic e Caceres, un altro centrale pronto c’è: Igor rappresenta una delle poche note liete di questa partita. Non ha avuto paura né di Higuain, né di Cristiano Ronaldo, con il suo codino alla giapponese, soddisfatto per aver segnato, con i due rigori, il nono e il decimo gol consecutivi. La Juve, lo sapevamo, è un rullo compressore. Che nel primo tempo aveva trovato una Fiorentina d’emergenza, ma gagliarda, combattiva e pronta a ripartire. Ovvio che due rigori così ammazzano chiunque. Il terzo gol bianconero non conta quasi. E’ arrivato nel finale, quando ormai l’umore dei viola era a terra, devastato da quelle due decisioni che l’arbitro ha voluto comunque certificare andando personalmente a vedere il monitor. Un gesto che mi è sembrato tanto sceneggiata. Così come avevano fatto gli attori, sempre nei minuti per loro difficili del primo tempo, i giocatori bianconeri. Cristiano Ronaldo e Bonucci in primis. Fare del vittimismo doveva essere propedeutico ad avere i rigori? Malignità? Il fatto è che una Fiorentina senza due terzi della difesa titolare, con un centrocampo improvvisato (Ghezzal al posto di Castrovilli!) e reduce dalla sconfitta in Coppa Italia (anche per il rigore non concesso a Caceres) aveva saputo tenere il campo benissimo fino al 36′. Spaventando la Juve, salvata a stento da due-tre grandiparate di Szcesny. Juve che ha avuto bisogno dell’aiutino. Anzi dell’aiutone per passare in vantaggio e vincere come da pronostico. Farà bene, Commisso, a farsi sentire in Lega e con i vertici arbitrali. Ma soprattutto, passata la Juve, che fa sempre brutta storia a sé, la Fiorentina potrà riprendere il cammino di risultati positivi, soltanto incidentalmente interrotto a Torino.

Chiesa davanti al portiere juventino Szcesny (Foto Violachannel)

SCENEGGIATE – Beppe Iachini schiera la Fiorentina d’emergenza. Anche con Ghezzal al posto di Badelj, oltre che con Igor, in difesa, appena arrivato dalla Spal.Sarri ha la sua formazione migliore. Davide contro Golia, dunque. Settecento i tifosi viola sugli spalti dello Stadium. La Fiorentina, in maglia viola stavolta anche in trasferta, è seguita anche da Rocco Commisso. La Juve comincia subito a premere. Al 5′ Higuain si affaccia pericolosamente in area viola, ma interviene Igor, il difensore cotto e mangiato, che chiude benissimo. Risponde la Fiorentina al 7’con Pulgar, che riceve al limite da Cutrone: tiro angolato ma Szczesny risponde bloccando il pallone. Tre minuti dopo ancora Juve pericolosa, Douglas Costa mette scompiglio, Pjanic s’insinua a centro area e va giù accusando Cutrone. Cristiano Ronaldo protesta. Il Var controlla e decreta: tutto regolare. Solo calcio d’angolo. Secondo me ci sarebbe dovuto essere il giallo per simulazione a Pjanic. Poi c’è Bonucci che accusa mal di testa dopo un’uscita di Dragowski che, lo vedo due volte al rallentatore, lo sfiora appena. Non capisco, francamente, il motivo di queste sceneggiate: prima Pjanic che fa la smorfia di dolore quando Cutrone neanche l’ha toccato e ora Bonucci. Che bisogno ha, questa Juve, di simili recite?

SZCESNY – La Juve attacca in maniera costante. Ma la Fiorentina si scrolla di dosso la pressione: fra il 21 e il 23′ la Juve è salvata due volta dal suo portiere. Succede questa: Pulgar mette in mezzo, Chiesa devia in porta con il tacco ma Szcesny ci mette la manona e devia. Un vero miracolo. Un istante dopo ci prova Lirola con una botta da fuori, però trova di nuovo Szcesny prontissimo. Ma anche Dragowski si esibisce, poco dopo, su conclusione di Bentancur da fuori area. Fiorentina meno timida. Ma continuano le sceneggiate juventine: al 29′ Cristiano Ronaldo è in mezzo a due viola, che non lo toccano: ma lui va giù lo stesso. Ma dai. Arbitro, quando ti deciderai a punire le simulazioni? Giallo invece per Chiesa (32′) per contrasto su De Ligt. Poi arriva l’ammonizione, ineccepibile anche se ritardata, per Bonucci che aveva falciato Cutrone per bloccare un’insidiosa ripartenza della Fiorentina.

PASQUA – La sblocca l’arbitro al 36′: tiro di Pjanic da fuori area, il pallone va addosso a Pezzella che ha il braccio destro aderente al corpo, ma tocca con il polso sinistro. Del tutto involontariamente. Pasqua va al monitor, parla con Calvarese che è al Var, poi torna, disegna il monitor con gli indici e concede il rigore. Batte Cristiano Ronaldo, Dragowski intuisce ma non ci arriva. Nono gol consecutivo per Cristiano Ronaldo, più irritante del solito con quel codino alla giapponese. A rigor di regolamento ci può stare il rigore, come si affrettano a spiegare i tanti rigorosi commentatori in tribuna stampa, ma non è giusto: la Juve era in difficoltà e si è vista spianare la strada. A parti invertite l’avrebbe concesso, il signor Pasqua, il calcio di rigore? E a questo proposito c’è qualcosa che mi ribolle: il suo collega Doveri, appena quattro giorni fa, a San Siro non concesse un rigore cristallino a Caceres che avrebbe permesso alla Fiorentina di andare quantomeno ai supplementari contro l’Inter, in Coppa Italia. Ma si sa, la legge dello Juve Stadium è questa. Finisce il primo tempo. Con una Fiorentina che, nonostante l’emergenza di formazione, ha tenuto molto bene il campo, facendo anche paura, ripetutamente, alla Juve. Che va al riposo in vantaggio grazie alla consueta benevolenza della classe arbitrale.

IGOR – In avvio di ripresa, la Fiorentina cerca di stare più alta. La Juve continua a premere. Giallo per Ghezzal dopo un contrasto. I viola contrattaccano e conquistano un paio di angoli. Chiesa si trova un buon pallone in area ma lo scaraventa altissimo. Al 12′ gomitatona di Cristiano Ronaldo a Ceccherini: solo punizione. Ancora mi chiedo. A parti invertite che cosa sarebbe successo? A mezz’ora dalla fine, Iachini viene tentato dalla scommessa: fuori Ghezzal e in campo Vlahovic. In teoria prova le tre punte, ma solo in teoria perchè Chiesa arretra un po’. Occasione al 17′: Vlahovic apparecchia subito per Benassi che tira bene da fuori area, ma il pallone sfiora il secondo palo. Ripartenza rapidissima della Juve e paratona di Dragowski che respinge miracolosamente su Higuain liberato da una gran giocata di Douglas Costa. Quindi ginocchiata di Cristiano Ronaldo a Igor. E Sarri fa il cambio: fuori Higuain e in campo Dybala, che rima di entrare abbraccia Beppe Iachini, suo allenatore ai tempi del Palermo. Preme ancora la Juve, ma la difesa viola riesce a contenere. Quindi secondo cambio fra i viola: esce Cutrone per Sottil. Quindi fallaccio di Dybala su Vlahovic. Punizione anomala di Pulgar: che invece di battere a rete da 27-28 metri prova uno schema. Batti e ribatti in area, ma non succede niente.

CECCHERINI – Al 32′ riparte la Juve: Bentancur provoca scompiglio, entra in area e Ceccherini, con il braccio, ingenuamente, lo mette giù. Pasqua fischia il rigore, ma aspetta il responso del Var. Poi va direttamente al monitor. Ritorna e concede il secondo rigore. Generoso? Sì,ma è Ceccherini che non può essere un difensore centrale della Fiorentina. Mi ricorda tanto Tomovic, disordinato e sfortunato. Cristiano Ronaldo va sul dischetto e infila il pallone in rete. Due a zero. Con due rigori. Passerà alla storia questa sconfitta dei viola! A questo punto Sarri sostituisce Douglas Costa con Bernardeschi e Rabiot con Matuidi. E Iachini fa esordire Agudelo al posto di Lirola. Se minuti di recupero. Su calcio d’angolo batrtuto da Dybala (46′) De Ligt svetta su tutti e segna il tre a zero. Risultato troppo vistoso e decisamente ingiusto. Soprattutto per quei due rigori che, a parti invertite, difficilmente sarebbero stati concessi. Purtroppo bisogna essere consapevoli che dallo Stadium non esci vivo, nemmeno se fai un primo tempo tutto grinta e ripartenza come quello della Fiorentina. Anzi, fai paura e vieni punito. Com’è capitato a questa gagliarda Fiorentina.

Juventus (4-3-3) Fiorentina (3-5-2) 
Szczesny7Dragowski6,5
Cuadrado7Ceccherini5
Bonucci6Pezzella5,5
De Ligt6,5Igor6
Alex Sandro6Lirola (neol st dal 43' Agudelo, sv)6
Bentancur6,5Benassi6
Pjanic6Pulgar6
Rabiot (nel st dal 42' Matuidi, sv)6Ghezzal (nel st dal 15' Vlahovic, 5,5)5,5
Douglas Costa (nel st dal 38' Bernardeschi, sv)6,5Dalbert6
Higuain (nel st dal 21' Dybala, 6,5)5,5Cutrone (nel st dal 28' Sottil, 6)5,5
Cristiano Ronaldo6,5Chiesa6
All.: Maurizio Sarri6,5All.: Beppe Iachini6
Arbitro: Pasqua di Tivoli4,5
Marcatori:nel pt al 40' Cristiano Ronaldo su rigore; nel st al 35' Cristiano Ronaldo su rigore; al 46' De Ligt
NoteAmmoniti: Chiesa, Bonucci, Pezzella, Ghezzal, Ceccherini

Tag:, , , ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: