Calcio, Euro 2020: richiesti 30 milioni di biglietti. Un record assoluto

di Paulo Soares - - Cronaca, Eventi, Sport

Roberto Mancini, ct dell’Italia (Foto ANSA)

ROMA – E’ stato battuto ogni record. Sono infatti quasi 30 milioni le richieste di biglietti per Uefa Euro 2020, il primo Campionato Europeo itinerante
che si giocherà dal 12 giugno al 12 luglio in dodici città del Vecchio Continente tra cui Roma. Nella fase di vendita riservata ai tifosi delle nazionali qualificate, lo scorso dicembre, gli appassionati hanno richiesto 8.977.427 biglietti, oltre il triplo di quelli richiesti nella stessa ‘finestra’ di vendita nella precedente edizione di quattro anni fa. Se si sommano i dati della precedente fase di vendita generale (dal 12 giugno al 12 luglio), in cui ci furono 19,3
milioni di richieste, la cifra complessiva di 28,3 milioni di richieste di biglietti, a fronte di 2,5 milioni disponibili per il pubblico, non ha precedenti.

Il numero generale di biglietti richiesti per Uefa Euro 2020, quindi, è il doppio di quelli richiesti per Francia 2016: come ha sottolineato la Uefa in un comunicato, l’edizione 2020 del torneo, che ne celebra il 60esimo anniversario, è quella con la domanda di tagliandi più alta di sempre. Anche i tifosi dell’Italia, l’unica squadra insieme al Belgio a vincere tutte le partite nelle qualificazioni, si sono attivati per assicurarsi il prezioso biglietto. Ad attirare il popolo Azzurro sembra in particolare, stando ai dati, la sfida con la Turchia, la gara inaugurale di Uefa Euro 2020 in programma venerdì 12 giugno allo Stadio Olimpico (calcio d’inizio ore 21). Ma i tifosi della nazionale guidata da Roberto Mancini non faranno mancare il loro apporto nemmeno nelle gare contro Svizzera e Galles, in calendario rispettivamente il 17 giugno (ore 21) e il 21 giugno (ore 18). Roma ospiterà anche una gara dei quarti di finale, il 4 luglio.

La finale, che si giocherà a Wembley il 12 luglio, ha ricevuto 714mila richieste, otto volte la capienza del mitico stadio di Londra. Enorme l’interesse per la partita della fase a gironi tra Francia e Germania, che ha ricevuto 710mila richieste: la sfida è in programma il 16 giugno. Il 64% delle   richieste è stato generato dai tifosi delle nazioni ospitanti ma ci sono state tantissime richieste dalle nazioni confinanti come Finlandia, Austria, Francia e Polonia. Eventuali biglietti rimanenti saranno venduti in prossimità della fase finale in base all’ordine di arrivo. I tifosi intenzionati a rivendere i biglietti acquistati potranno farlo attraverso la piattaforma ufficiale di rivendita della Uefa che sarà online a fine febbraio. Se i biglietti saranno venduti, allora l’acquirente iniziale sarà
rimborsato.

Queste nello specifico le richieste inerenti le partite dell’Italia e quelle in programma allo Stadio Olimpico: Per la gara-1, Turchia-Italia, il 33,0% dei titolari di biglietti arriva dall’Italia Turchia-Italia, il 33,0% dei titolari di biglietti arriva dall’Italia e l’11,2% dalla Turchia; il 15,8% proviene invece dalla Germania. Per
la gara-14, Italia-Svizzera, il 26,5% dei titolari di biglietti arriva dall’Italia e il 28,6% dalla Svizzera. Per la gara-26, Italia-Galles, il 25,1% di titolari di biglietti arriva dall’Italia e il 28,1% dal Galles. Per la gara-48 (quarti di finale), il 9,4% dei biglietti è stato acquistato in Italia e il 28,7% in Inghilterra. Totale biglietti
richiesti nella fase di vendita a dicembre: 425mila (ottavo posto). Partita con maggior numero richieste: Italia-Svizzera. Totale biglietti venduti – Pubblico generale (giugno) e fase di vendita della federazione (dicembre): 168.188.

Tag:, ,

Paulo Soares

Paulo Soares

redazione@firenzepost.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: