S' della Commissione Istruzione e cultura

Scuola elementare: niente più voti, tornano i giudizi. Ma era un cambiamento essenziale?

di Gilda Giusti - - Cronaca, Cultura, Politica, Primo piano

ROMA – Basta con i voti numerici nella scuola elementare: tornano i giudizi. Dove gli insegnanti devono arrovellarsi il cervello per dire e non dire. Soprattutto per evitare problemi con genitori puntigliosi o, addirittura, aggressivi. Era l’argomento più importante per i politici, questo, oggi? Pare di sì per una maggioranza che tenta in ogni modo d’inventarsi complicazioni per stornare l’attenzione dalla crisi economica e dalle scelte strampalate nella gestione del Covid-19.  In ogni caso, dal prossimo anno scolastico la valutazione finale degli alunni nella scuola elementare non sarà più espressa con i voti numerici ma con un giudizio. E’quanto prevede un emendamento presentato dai senatori Verducci, Iori e Rampi e approvato in Commissione Cultura e Istruzione.

«L’emendamento prevede che nella scuola primaria i bambini non possano essere considerati dei numeri. Dare un 4 può essere un macigno pesante da comprendere mentre una valutazione più complessiva prende in considerazione le caratteristiche del bambino. Ovviamente vanno trovate le parole adeguate e la valutazione va fatta in termini di giudizio sintetico», spiega la senatrice Vanna Iori. «Il giudizio tiene conto della specificità e della individualità di ogni singolo bambino – aggiunge – mentre il voto numerico livella e rende tutti uguali, anche se ci sono diverse motivazioni dietro a quel voto».

 

Tag:, , , , ,

Gilda Giusti

Gilda Giusti

Redazione Firenze Post
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: