L'annuncio dell'Opera

Firenze: Santa Croce riapre dal 30 maggio. Visitatori gratis (su prenotazione) fino al 24 giugno

di Gilda Giusti - - Cronaca, Cultura, Eventi, Salute e benessere

La basilica di Santa Croce, a Firenze. Riapre dal 30 maggio. Visite gratuite su prenotazione fino al 24 giugno

FIRENZE – Riaprirà sabato 30 maggio la basiloica di Santa Croce, a Firenze. e fino al 24 giugno, festa del patrono di Firenze, San Giovanni Battista, accoglierà i visitatori gratuitamente. L’Opera di Santa Croce sceglie infatti di ripartire dalla qualità dell’accoglienza, proponendo l’opportunità di un incontro coinvolgente con le diverse identità della basilica, luogo unico dove si intrecciano, in un emozionante scenario di arte e di architettura, la spiritualità francescana e le storie dei Grandi italiani.

Santa Croce spalanca dunque le sue porte per le visite gratuite nei week end fino al 22 giugno, il sabato dalle 11 alle 17 e la domenica dalle 13 alle 17 (alle 11 e alle 18 la Comunità dei Francescani celebra messa). Aperture speciali il 2 giugno in occasione della Festa della Repubblica e il 24 giugno per la celebrazione di San Giovanni, patrono di Firenze, sempre dalle 11 alle 17. Gli spazi della basilica sono ampi: potranno entrare contemporaneamente fino a 150 persone (non sono ancora consentite le visite di gruppo). È fondamentale prenotare la visita utilizzando il sito dell’Opera di Santa Croce (www.santacroceopera.it) nella sezione prenota on line (il servizio è attivo dalle 14 di domani, venerdì 29 maggio).

«Dopo il lockdown abbiamo deciso di inaugurare un rapporto diverso e più intenso con i visitatori che nei week end, per buona parte del mese di giugno, saranno accolti gratuitamente e potranno essere protagonisti di una approfondita esperienza di scoperta della basilica e della sua storia millenaria anche grazie all’utilizzo della nuova App», annuncia Irene Sanesi, presidente dell’Opera di Santa Croce. Si comincia quindi sabato 30 e domenica 31 maggio con possibilità di visite anche martedì 2 giugno, Festa della Repubblica.

«Santa Croce rappresenta un bene comune e un patrimonio culturale che fa parte dell’identità collettiva del Paese per questo può dare un contributo
importante per fare uscire Firenze dalla pesante crisi di questa fase storica – sottolinea Stefano Filipponi, segretario generale dell’Opera di Santa Croce – La scelta di riaprire, con i week end di visite gratuite, è un gesto concreto per contribuire alla ripartenza della città puntando su un nuovo rapporto tra cultura, turismo e ripresa economica».

I visitatori saranno virtualmente presi per mano e accompagnati – in tutta sicurezza – dalla nuova App ufficiale Santa Croce realizzata dall’azienda fiorentina D’Uva, fortemente impegnata sul fronte dell’innovazione delle tecnologie, dei supporti e dei servizi per la fruizione dei beni culturali.
L’App è uno strumento utile, semplice e intuitivo che mette a portata di mano tutte le informazioni per la visita: è già disponibile in free download negli store Google Play e App Store e può essere scaricata gratuitamente sul proprio smartphone prima della visita. La narrazione che si snoda lungo il percorso, racconta i luoghi e ne illustra le vicende e la storia, in maniera coinvolgente e immediata. Con un semplice tocco sul proprio display, i visitatori potranno avere accesso a immagini e contenuti, scegliendo in totale autonomia cosa approfondire, immergendosi completamente in un tour indimenticabile, realizzando cartoline digitali personalizzate da condividere, trasformando un viaggio culturale in un’esperienza anche digitale
grazie alle spettacolari bellezze artistiche offerte dalla basilica.

 

Tag:, , , , ,

Gilda Giusti

Gilda Giusti

Redazione Firenze Post
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: