Le proteste della popolazione

Lampedusa: incendiati i vecchi barconi dei migranti, indaga la procura di Agrigento

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

LAMPEDUSA – I vecchi barconi utilizzati dai migranti per arrivare fino a Lampedusa, stoccati in due zone dell’isola, sono stati dati alle fiamme. I roghi stanno divampando nell’area attigua al campo sportivo e nel deposito di Capo Ponente. Le colonne di fumo nero sono altissime e stanno letteralmente invadendo l’isola. Le fiamme sono visibili anche a parecchia distanza. Sul posto, sono al lavoro le squadre dei vigili del fuoco del distaccamento aeroportuale di Lampedusa con circa 5 automezzi antincendio e anche i carabinieri – praticamente l’intera stazione di Lampedusa – è mobilitata per evitare rischi e per cercare di individuare i responsabili.

Sono stati domati intorno alle 4 del mattino i due incendi appiccati nella notte a Lampedusa (Agrigento) nelle aree in cui sono stoccati i vecchi barconi utilizzati dai migranti per la traversata del Canale di Sicilia. Sulla natura dolosa dei roghi non sembrano esserci dubbi: le fiamme, infatti, sono divampate in due punti diversi e distanti, a Capo Ponente e a Cala Salina. Per tutta la notte diverse squadre dei vigili del fuoco e i carabinieri hanno lavorato per avere ragione del vasto fronte di fuococon altissime lingue di fumo nero visibili anche a distanza. Sulla vicenda la Procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta.

Mercoledì scorso ignoti avevano imballato con sacchetti di plastica per la spazzatura e nastro adesivo la Porta d’Europa, il monumento di Mimmo Paladino omaggio allo spirito di accoglienza che dasempre contraddistingue la più grande delle Pelagie. Il sindaco Totò Martello, che aveva immediatamente presentato una denuncia, aveva parlato di “un’azione meschina che fa male all’immagine di Lampedusa e soprattutto fa male ai lampedusani”. Ma sui social qualcuno aveva scritto: “Lampedusa comincia ad essere stufadi sbarchi e di un governo che favorisce l’immigrazione”. Oggi sull’isola è atteso il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: