Crotone, migranti: altri 59 pakistani arrivano in un barcone, fermati 2 scafisti

 Migranti in barca a vela arrivati su coste Calabria

CROTONE – Mentre Conte si pavoneggia a Villa Pamphili negli Stati Generali e le autorità Ue chiacchierano di quisquilie inutili, l’invasione del nostro paese continua senza che ci sia né un blocco vero Né una redistribuzione fra tutti i Paesi Ue, che fanno schifo.

Un’imbarcazione con a bordo 59 pakistani è stata intercettata da una motovedetta della Sezione operativa navale di Crotone in servizio di perlustrazione che ha arrestato due sospetti scafisti che cercavano di raggiungere inosservati la costa nelle acque antistanti Gabella. Nonostante l’imbarcazione a vela, di una dozzina di metri, sembrasse a un primo esame sostanzialmente normale, i finanzieri l’hanno bloccata e sottoposta controllo. Sottocoperta, stipati negli angusti spazi della barca a vela e invisibili all’esterno, i finanzieri hanno trovato 59 pakistani, tutti maschi, di cui tre di minore età. Sono stati scoperti anche due lettoni, sospettati di essere gli scafisti. I finanzieri hanno allertato le autorità a terra per poi procedere all’identificazione e alla adeguata prassi sanitaria da applicare ai migranti. I militari hanno fermato, per metterli a disposizione dell’autorità giudiziaria, i due sospetti scafisti e sequestrato l’imbarcazione. L’imbarcazione, scortata dalla motovedetta, è arrivata nel porto di Crotone alle 6 di stamattina. I migranti sono stati trasferiti in sicurezza al centro di Sant’Anna per l’assistenza, l’identificazione e le indagini tese a ricostruire modalità del traffico e responsabilità dei lettoni fermati. Dai primi sommari accertamenti il viaggio sarebbe iniziato in Turchia lunedì.

 

clandestini, Conte, Italia, sbarchi, Stati generali, ue


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080