Superbonus 110%: ci vogliono 30 documenti, follia burocratica, commenta Fapi

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

ROMA – «Siamo alla follia burocratica: circa 30 documenti vanno prodotti per accedere al superbonus del 110 per cento! È stato mancato, ancora una volta, l’obiettivo della semplificazione, alimentando il rischio che tanti rinunceranno ad utilizzare questa misura economica nata con lo scopo di restituire fiato all’economia e all’occupazione». Lo dichiara, in una nota, il presidente nazionale della Federazione autonoma piccole imprese (Fapi), Gino Sciotto. ”L’obiettivo – aggiunge – era quello di snellire le procedure per aprire più cantieri possibili, invece, vengono aggiunte verifiche in corso d’opera e sullo stato di avanzamento dei lavori che non potrannoche disincentivare chi intende usufruirne. Chiediamo al Governo di intervenire immediatamente accogliendo le nostre osservazioni, diversamente si vanifica lo spirito della norma e si frena la ripresa economica”, conclude Sciotto.

Conte, Gualtieri, Superbonus

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080