Fiorentina-Sampdoria (venerdì, 20,45, Sky): Chiesa gioca. Vincere davanti ai mille eroi anti-covid. Formazioni

Franck Ribery vuol giocare contro la Samp

FIRENZE – Mille invitati sotto la tribuna coperta, soprattutto medici e infermieri che hanno affrontato, faccia a faccia, il coronavirus. Sarà la prima volta con il pubblico dopo il lockdown. Contro la Sampdoria (venerdì, ore 20,45, diretta tv su Sky), la Fiorentina deve vincere per recuperare punti e autostima dopo la beffa di San Siro. C’è ancora il mercato aperto, tutto può succedere, ma Iachini, almeno per questa partita, ha steso un velo protettivo su tutta la rosa a disposizione. Significa che Chiesa, nonostante il malanno, al 90% sarà in campo. E openserà, l’allenatore ne è certo, solo alla maglia viola. Il problemone, in difesa, riguarda German Pezzella, ancora alle prese con il vecchio infortunio: se non ce la dovesse fare giocherebbe ancora Ceccherini, fran bravo ragazzo, ma non all’altezza della Fiorentina. Contro l’Inter, purtroppo, ne abbiamo avuto più di una riprova.

E non mancherà Franck Ribery: stringerà i denti per farcela ad ogni costo. E’ arrabbiatissimo per i punti lasciati a Milano e vuole dare alla squadra la spinta decisiva per battere la Samp e salire in classifica. A metà campo c’è un dubbio: in ballottaggio Bonaventura e Duncan, con il secondo favorito per motivi tattici. Giocherebbe in regìa, liberando Amrabat a far gioco. E ci sarà, là davanti, Kouamè, il ragazzo agile e fragile. Tecnicamente c’è, ma da solo non può fare reparto. Gli manca quella potenza sotto porta che è determinante. Lui in coppia con Pjatek, come succedeva al Genoa, ci può stare, ma da solo non ha il fisico per fare a sportellate con gli armadi delle difese avversarie. Detto questo, la Fiorentina manovriera e imprevedibile che ha battuto il Torino e perso malamente a Milano ha le carte in regola per battere la Samp. Ma insisto: servono un difensore all’altezza della squadra e una punta vera, quella da 15-20 gol a stagione. Commisso lo sa. Magari veda cosa fare, lasciando da parte, almeno fino alla sera del 5 ottobre, la vicenda stadio.

IACHINI – Come detto, Iachini non vuole sentire parlare di mercato, in queste ore. In conferenza stampa ha detto: «Sono arrivate numerose richieste per nostri giocatori da parte di altre squadre e questo vuol dire che abbiamo lavorato bene. Da una parte ciò ci inorgoglisce, ma rende pericolosa la gara con la Sampdoria. Mi sono fatto sentire più volte con i ragazzi questa settimana perchè, al di là di quel che accadrà sul mercato, noi dobbiamo rimanere concentrati – ha aggiunto – La Sampdoria ha quantità e qualità e Claudio Ranieri è un maestro: lo posso dire anche perchè l’ho avuto come allenatore. Dovremo fare una partita sopra le righe, con la massima concentrazione e attenzione. Le due sconfitte rimediate dalla Sampdoria sono bugiarde».

CHIESA – Ha parlato anche di Chiesa, Iachini. Queste le sue parole: «Federico sta bene nel nostro gruppo e lavora al massimo. E’ stato ed è attaccato al lavoro e alla Fiorentina. Ha avuto un problema fisico a San Siro, ma nel momento in cui capiremo che è ok fisicamente giocherà, senza problema alcuno. Anzi, penso che abbia un buon 90% di probabilità di esserci con la Sampdoria, secondo quanto dice lo staff medico». E speriamo sia anche bello carico.

Probabili formazioni

Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Ceccherini (Pezzella), Caceres; Chiesa, Bonaventura (Duncan), Amrabat, Castrovilli, Biraghi; Kouamé, Ribery

Sampdoria (4-4-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Colley, Augello; Candreva, Ekdal, Verre, Jankto; Bonazzoli, Quagliarella

Arbitro: Giacomelli di Trieste

Amrabat, chiesa, Fiorentina, Ribery, sampdoria


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080