L'omaggio nel Cimitero di Trespiano

Polizia di Stato: Carlo Reggioli ricordato a 46 anni dalla scomparsa. Ferito a morte durante una manifestazione

di Redazione - - Cronaca, Eventi

La cerimonia al Cimitero di Trespiano, con Sergio Tinti, presidente dell’Anps locale

FIRENZE – Questa mattina, 12 ottobre, al Cimitero di Trespiano, presso la tomba di famiglia, ha avuto luogo la cerimonia di commemorazione di Carlo Reggioli, Funzionario di Pubblica Sicurezza, nel 46.esimo anniversario della scomparsa. Un momento di raccoglimento e di preghiera al quale erano presenti il cappellano provinciale della Polizia di Stato monsignor Luigi Innocenti, il dottor Sandro Nencioni, dirigente del commissariato sezionale di Rifredi-Peretola, in rappresentanza del questore Filippo Santarelli, il presidente della locale Sezione ANPS Sergio Tinti ed alcuni agenti. Forzatamente assente la vedova, per motivi di salute.

Il dottor Carlo Reggioli, classe 1928, fiorentino di nascita, negli anni ’70 – gli anni bui del terrorismo – era in forza alla questura di Pistoia con la qualifica di vice questore aggiunto. Nel corso di un servizio di ordine pubblico venne gravemente ferito alla testa da alcuni manifestanti. In conseguenza delle lesioni riportate perse la vita l’11 ottobre 1974 presso il nosocomio di Careggi. Aveva 46 anni, lasciava la moglie Nancy e i giovani figli Stefano e Valentina. Al termine della sobria cerimonia, due agenti hanno deposto sulla tomba del defunto il mazzo di fiori inviato dal Capo della Polizia prefetto Franco Gabrielli.

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: