La comica vicenda delle nomine governative

Sanità Calabria: Gaudio si dimette per motivi personali. Salvini chiede dimissioni Speranza

ANSA/ FILIPPO ATTILI – UFFICO STAMPA PALAZZO CHIGI

ROMA – La sanita’ calabrese e’ ancora senza commissario. Eugenio Gaudio, nominato ieri dal Consiglio deiMinistri dopo le dimissioni di Giuseppe Zuccatelli, ha rinunciato al suo incarico. «Mia moglie – ha spiegato a Repubblica.it ilprofessore, rettore dell’Universita’ degli Studi di Roma LaSapienza e di origine cosentine – non ha intenzione ditrasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con ilmassimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare». Una rinuncia che, per le sue motivazioni, offende i calabresi e che, per molti, è dovut piuttosto al fatto che il commissario mal sopportava l’ombra ingombrante di Gino Strada.

Riguardo alle notizie sul coinvolgimento dell’estate 2019 nell’inchiesta sull’Universita’ di Catania Gaudio hachiarito: «Il procuratore di Catania ha appena fatto sapere al mioavvocato che e’ andato a depositare la richiesta di archiviazioneper il mio presunto abuso di ufficio».

Reazioni indignate dal centrodestra calabrese e nazionale. Salvini afferma netto: «Via Cotticelli, via Zuccatelli, ora viaGaudio. Attendiamo se ne vada Speranza».

Giustamente commenta su facebook il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì: «Una grande delusione e un grande dolore perche’ la giustificazione offende doppiamente la nostra regione, perche’ sembra che le nostre citta’ non siano gradite alla sua famiglia. E’ una grande delusione e un momento di particolare imbarazzo perche’ l’unica cosa che mi sento di dire e’ che deve finire questo commissariamento della sanita’ calabrese da parte del governo e soprattutto si puo’ dimettere il ministro Speranza».

dimissioni, Gaudio, strada


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080