Mes: Berlusconi annuncia che non lo sosterrà, applausi da lega e FdI

ROMA – Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, non sosterrà il Mes: Il 9 dicembre non sosterremo in Parlamento la riforma del MES perché non riteniamo che la modifica del Meccanismo di Stabilità approvata dall’eurogruppo sia soddisfacente per l’Italia e non va neppure nella direzione proposta dal Parlamento europeo. Due sono i motivi che principalmente ci preoccupano. Il primo: le decisioni sull’utilizzo del fondo verranno prese a maggioranza dagli Stati. Il che vuol dire che i soldi versati dall’Italia potranno essere utilizzati altrove anche contro la volontà italiana. Il secondo: il Fondo sarà europeo solo nella forma perché il Parlamento europeo non avrà alcun potere di controllo e la Commissione europea sarà chiamata a svolgere un ruolo puramente notarile. Purtroppo sono state ignorate le nostre proposte per una indispensabile riforma del MES che sono state confermate dal voto del Parlamento europeo. E questo non rappresenta certamente un fatto positivo. Per queste ragioni quindi Forza Italia non voterà in Parlamento per questa riforma del MES. La riforma in questione – conclude Berlusconi – non ha nulla a che vedere con l’utilizzo dei 37 miliardi destinati alla lotta contro il COVID».

E scoppia la protesta e il malessere dei parlamentari azzurri, spiazzati dalla scelta di Silvio Berlusconi di votare contro la riforma del Mes. Subito dopo la nota del Cavaliere, in linea con le tesi della Lega, le chat di Forza Italia sono esplose. In molti hanno ricordato come per mesi Fi si sia battuta a favore del Mes, tanti di loro fanno anche parte dell’intergruppo favorevole al Mes. Quindi hanno chiesto un chiarimento immediato alle due capigruppo, che però – a quanto si apprende – avrebbero deciso di rinviare un confronto. Tenerlo oggi avrebbe comportato il rischio di spaccare i gruppi.

Fonti della Lega valutano positivamente la posizione espressa dal Cavaliere. Il centrodestra – si sottolinea – si conferma compatto: dopo il voto sullo scostamento, trova una sintesi su un tema molto delicato e divisivo come il Mes che ancora divide la maggioranza. Apprezzabile – conclude la Lega – anche il fatto che Berlusconi abbia risposto a stretto giro all’appello di Salvini.

Anche da FdI arriva apprezzamento per la posizione espressa da Berlusconi. «Fratelli d’Italia, da sempre contrario al Mes – dice il capogruppo Francesco Lollobrigida – accoglie con favore la scelta di Silvio Berlusconi e di tutti i partiti della coalizione di votare contro. Il 9 dicembre in Parlamento confermeremo il nostro no convinto a uno strumento che permetterebbe agli euroburocrati di mettere le mani nei nostri conti. Il centrodestra, al contrario di quel che vuole far credere la maggioranza, è compatto. Lo dimostreremo, ancora una volta, votando in difesa della nostra sovranità e della nostra Nazione».

berlusconi, contrario, mes


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080