Empoli: tre denunce per abuso edilizio sul torrente Orme (anche un’ex funzionaria comunale)

FIRENZE – I caravbinieri forestali hanno denunciato tre persone per abuso edilizio lungo il torrente Orme. I controlli eseguiti a partire dal giugno 2018, hanno portato ad oggi alla denuncia di più di trenta persone per irregolarità consistenti in manufatti, recinzioni, tettoie, porzioni di immobili, platee e cordoli in cemento armato e sanzioni amministrative per 3.500 euro. L’ultimo intervento dei militari ha fatto riscontrare la presenza sulla destra idrografica del corso d’acqua Orme, ad una distanza di un metro e trenta dal ciglio di sponda, di pali in ferro infissi nel terreno per mezzo di cemento, ad uso stendi biancheria nonché una recinzione in legno di dimensioni quattro metri per quattro metri, che racchiudeva un resede con all’interno una platea in cemento e un box in lamiera. La recinzione terminava a ridosso di una abitazione situata entro i 10 metri dalla sponda.

Da una verifica documentale presso il Comune di Empoli, le opere risultavano essere abusive e prive della autorizzazione idraulica. Tuttavia il cambio di destinazione d’uso, da annesso agricolo a locale accessorio di civile abitazione e successivamente la concessione edilizia, era stato autorizzato, impropriamente, senza aver acquisito la preventiva autorizzazione idraulica. I Carabinieri forestali hanno dunque denunciato la funzionaria comunale, ora in pensione, per abuso d’ufficio. Hanno inoltre segnalato all’augorità giudiziaria il proprietario ed esecutore materiale dei lavori nonché il direttore dei lavori del manufatto per aver attestato falsamente, nella presentazione della Dichiarazione Inizio attività (DIA), che per il manufatto in esame non fossero necessari dimostrazioni di conformità alle disposizioni in materia di superamento del rischio idraulico.

abuso edilizio, carabinieri forestali, torrente Orme


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080