Covid, contributi della Regione: 800mila euro a Firenze Fiera, oltre 300mila a Carrara

La Fortezza da Basso, sede di Firenze Fiera

FIRENZE – La Regione Toscana va in soccorso degli enti fieristici, settore che  dall’inizio dell’emergenza Covid-19 ha sofferto non poco per le manifestazioni annullate e i riflessi, di conseguenza, sui fatturati. Sono pronti ad essere distribuiti 1 milione e 582 mila euro. La giunta aveva deciso nei mesi scorsi di concedere un contributo a fondo perduto per chi avevo patito i contraccolpi della crisi, in modo da fronteggiare i problemi di liquidità e di occupazione che sono trovati ad affrontare. Per questo erano stati stanziati 2 milioni di euro.

Le domande potevano essere presentate fino al 5 febbraio e tutte e sei le richieste pervenute nei termini sono state accolte. Sviluppo Toscana, azienda a cui era stato affidato il bando, ha già proceduto, in questi giorni, alla firma del decreto per la concessione del ristoro. «Ci è sembrato un intervento assolutamente necessario, in un settore che dà occupazione a tante persone” commenta l’assessore all’economia, Leonardo Marras, promotore della proposta di legge che ha poi permesso di arrivare alla pubblicazione del bando.

I contributi complessivamente richiesti da Carrarafiere, Stazione Leopolda, Firenze Fiera, T.o.e, Arezzo Fiere e Grosseto Fiere ammontavano a 3 milioni
e 29 mila euro. Tutti sono stati interamente accolti, salvo che per Firenze Fiera il cui contributo concedibile non poteva essere pari ai 2 milioni e
247 mila euro richiesti ma ad 800 mila euro. Nel dettaglio, a Carrara Fiere arriveranno 331.117 euro; 151.473 a Stazione Leopolda; 800 mila euro a Firenze Fiera, 9.497 euro a Toe di Paolo Batoni; 160.902 ad Arezzo Fiere; 129.150 a Grosseto Fiere.

Arezzo Fiere, Carrara Fiere, Firenze fiera, regione toscana, stazione leopolda


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080