Concerto diretto da Riuccardo Muti a Marradi

Dante: treno storico Firenze-Ravenna per i 700 anni. Con Franceschini, Giani e Nardella

FIRENZE – Un trionfo: con musica e autorità. Questo il viaggio inaugurale per il treno storico Firenze-Ravenna in occasione delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante. Alla stazione Santa Maria Novella di Firenze il ministro della cultura, Dario Franceschini, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, e il sindaco cittadino, Dario Nardella sono saliti sul convoglio a vapore che percorre la storica tratta ferroviaria faentina con valico appenninico, che collega la citta’ che diede i natali al Sommo Poeta con quella che ne ospita i resti mortali.

Il treno dantesco effettua una sosta straordinaria a Marradi dalle 16 alle 18 per assistere al concerto dell’Orchestra Luigi Cherubini, diretta dal Maestro Riccardo Muti, data la riapertura dello storico teatro accademico degli Animosi, realizzato tra fine Settecento e inizio Ottocento. Il viaggio promozionale, organizzato da Ministero della cultura insieme a Regione Toscana, Regione Emilia-Romagna, Comune di Firenze, Comune di Ravenna e Fondazione Ravenna Festival, con il patrocinio del Comitato nazionale per i 700 anni di Dante, prelude all’avvio a fine giugno del servizio ferroviario turistico-culturale tra le due citta’ dantesche.

«E’ un momento importante – commenta il ministro della Cultura, Dario Franceschini – perche’, simbolicamente e non, e’ una ripartenza della cultura e in secondo luogo perche’ valorizza il patrimonio enorme delle ferrovie dello stato, treni percorsi e ferrovie storiche, che vogliamo valorizzare anche attraverso il Recovery fund. Terzo punto, festeggiamo i 700 anni di Dante, il fatto che questo treno colleghi le due citta’ e si fermi per un concerto con il maestro Muti a meta’ strada, a Marradi, credo sia un bel modo per celebrare questo anniversario».

Dante, Firenze, Franceschini, giani, muri, nardella, ravenna, treno


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080