Morte Camilla: autopsia conferma decesso per emorragia cerebrale. L’inchiesta va avanti

Camilla Canepa

GENOVA – L’autopsia eseguita oggi sul corpo di Camilla Canepa, la 18enne morta alcuni giorni dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino AstraZeneca durante un open day, ha confermato la morte per emorragia cerebrale. I consulenti dei pm procederanno con gli esami istologici per chiarire cosa abbia causato il decesso. Sono tanti i nodi da sciogliere. I pubblici ministeri Francesca Rombolà e Stefano Puppo insieme all’aggiunto Francesco Pinto hanno chiesto ai due medici di capire se la giovane soffrisse di una malattia autoimmune e dunque se rientrasse tra i soggetti super fragili a cui doveva essere somministrato un siero diverso, se i medici vaccinatori abbiano raccolto tutte le informazioni correttamente. Se sia stato corretto somministrare i due farmaci ormonali dopo il vaccino e infine se vi siano state omissioni e colpe dei medici dell’ospedale di Lavagna e del San Martino.

Intanto l’inchiesta prosegue: I pubblici ministeri di Genova Francesca Rombolà e Stefano Puppo stanno sentendo i genitori di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta nove giorni dopo avere ricevuto il vaccino AstraZeneca a un open day. I pm, coordinati dall’aggiunto Francesco Pinto, vogliono ricostruire la storia clinica della ragazza, verificare se fosse in cura, se avesse una malattia autoimmune e se lo sapesse, ma anche se avesse detto di essere stata vaccinata al ginecologo che le ha prescritto le cure ormonali. In seguito verrà sentito il personale medico che ha avuto a che fare con la giovane. Intanto questa mattina i pm hanno incaricato i medici legali Luca Tatjana e Franco Piovella per l’autopsia, mentre i familiari hanno nominato il medico legale Enzo Profumo.

 

autopsia, Camilla, morte

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080