Lampedusa: hotspot nuovamente al collasso, materassini e rifiuti per terra ovunque

LAMPEDUSA – L’accoglienza indiscriminata, gli sbarchi continui  accolti dal Governo non permettono di gestire la situazione a Lampedusa, continuamente in emergenza. Oltre mille migranti in hotspot Lampedusa, materassini a terra tra rifiuti, il sovraffollamento rende disumane le condizioni di vita all’interno della struttura. Lo dimostra un filmato dell’Adnkronos.

Materassini di gommapiuma gettati a terra all’aperto e sotto gli alberi, cestini ricolmi di rifiuti, bottiglie di plastica vuote abbandonate in ogni angolo e migranti ammassati senza alcun distanziamento e spesso senza mascherine. Hotspot al collasso a Lampedusa, dove i maxi arrivi degli ultimi giorni hanno messo a dura prova la macchina dell’accoglienza. Il centro è arrivato a ospitare oltre 1.300 persone a fronte di una capienza di 250 posti. Adesso sono oltre mille gli ospiti. Un sovraffollamento che rende disumane le condizioni di vita all’interno della struttura di contrada Imbriacola con i migranti costretti a trascorrere la notte all’aperto.

Intanto, la macchina dei trasferimenti, coordinata dalla Prefettura di Agrigento che lavora senza sosta per alleggerire la pressione nell’hotspot, prosegue a pieno ritmo. Traghetti, navi quarantena e motovedette della Capitaneria di porto fanno la spola dalla più grande delle Pelagie. In una corsa contro il tempo che rischia in ogni momento di essere vanificata da nuovi flussi.

lampedusa, materassini, migranti, rifiuti


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080