Montecatini Terme è patrimonio mondiale dell’Unesco. E Padova per la pittura del ‘300

Montecatini, le terme Tettuccio (Foto profilo social delle Terme)

MILANO – Montecatini Terme, storica città in provincia di Pistoia, entra nella lista del Patrimonio Mondiale Unesco nel gruppo transnazionale de Le Grandi Terme d’Europa. Lo ha stabilito il 44esimo Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco riunito a Fuzhou, in Cina. Dove è stata promossa patrimonio dell’Unesco anche la città di Padova per la pittura del ‘300. Riguardo a Montecatini, la decisione, precisa il comitato, è stata presa perché «le Grandi Terme d’Europa sono un’eccezionale testimonianza del fenomeno termale europeo, che ha trovato la sua massima espressione intorno dal 1700 agli anni ’30». L’elenco comprende undici località termali situate in sette paesi: Baden bei Wien (Austria); Spa (Belgio); Karlovy Vary, Františkovy Lázne e Mariánské Lázne (Rep. Ceca); Vichy (Francia); Male Ems, Baden-Baden e Bad Kissingen (Germania); Montecatini Terme (Italia); Bath (Gran Bretagna).

Padova, la Cappella degli Scrovegni dipinta da Giotto (Foto ANSA)

PADOVA – Tutto il ciclo pittorico di Padova del Trecento è patrimonio Unesco: è arrivato il via libera ad entrare nella World Heritage List da Fuzhou in Cina dove si è svolta la 44ma sessione del Comitato del Patrimonio mondiale Unesco. La Padova Urbs Picta comprende tutto il ciclo pittorico degli otto edifici e complessi monumentali nel centro storico della città, tra i quali la Cappella degli Scrovegni affrescata da Giotto, e gli affreschi del Palazzo della Ragione.

FRANCESCHINI – «Con Padova Urbs Picta e Montecatini tra le grandi citta’ termali d’Europa diventano 57 i siti italiani iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’umanita’: insieme ai 14 iscritti nella lista rappresentativa del patrimonio immateriale dell’umanita’, diventano cosi’ 71 i riconoscimenti Unesco riguardanti il patrimonio culturale italiano. Padova diventa poi, insieme a Tivoli, una delle poche citta’ al mondo a custodirne due: un primato che rafforza la leadership culturale dell’Italia, ribadisce la vastita’ del patrimonio culturale nazionale e riconosce il ruolo delle comunità nella tutela e promozione dei propri beni». Cosi’ il ministro della Cultura, Dario Franceschini, commenta l’iscrizione dei due siti nella lista del patrimonio dell’umanita’ avvenuta oggi per decisione del Comitato del patrimonio mondiale nel corso della 44esima sessione in corso a Fuzhou (Cina) e ringrazia la sottosegretaria Lucia Borgonzoni che ha seguito l’iter di queste candidature.

GIANI – «E’ una grande soddisfazione per tutti noi. Con l’inserimento di Montecatini nella lista dei luoghi dichiarati patrimonio Unesco, la Toscana inanella l’ottava perla della sua splendida collana. Montecatini si aggiunge così ai centri storici di Firenze e Siena, a Pienza, San Gimignano, alla Valdorcia, ai giardini e alle ville medicee e a Piazza del Duomo di Pisa e si conferma come una delle regioni più notevoli al mondo. Siamo di fronte ad un graditissimo riconoscimento della qualità della cittadina pistoiese, ottenuto grazie alla sua storia, ai suoi monumenti, al verde dei suoi parchi e ai suoi straordinari stabilimenti termali». Così in una nota il presidente della regione Toscana, Eugenio Giani, parla dell’inserimento di Montecatini Terme nella lista delle città patrimonio dell’Unesco, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura.

 

Cappella degli Scrovegni, Franceschini, giani, Giotto, Montecatini Terma, padova, Palazzo della Ragione, Patrimonio Unesco, Terme Tettuccio


Ernesto Giusti


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080