Grosseto: arrestato imprenditore, l’accusa, sfruttamento della prostituzione

Il Palazzo di giustizia di Grosseto

GROSSETO – Arrestato a Grosseto un imprenditore 50enne per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione al termine di oltre sei mesi di indagini dei carabinieri, coordinate dal sostituto procuratore Giovanni De Marco, avviate dopo segnalazioni dei cittadini su un ‘giro’ in cinque appartamenti in città gestiti dall’indagato. L’arresto è stato eseguito dai carabinieri della sezione di pg della procura grossetana in base ad un’ordinanza emessa dal gip Sergio Compagnucci.

Durante l’attività investigativa sono stati monitorati numerosi siti web di annunci dedicati al sesso a pagamento con donne e transessuali, e sono stati sentiti come persone informate diversi clienti. E’ stato così accertato un considerevole giro di prostituzione radicato a Grosseto.
Numerose le prostitute, sia italiane che straniere, sia donne sia trans, provenienti da diverse zone d’Italia. L’indagato faceva anche da autista accompagnandole presso le varie case di appuntamento e spostandole periodicamente da un alloggio all’altro per accontentare i tanti clienti. Il 50enne, secondo le indagini, si occupava personalmente delle illecite locazioni immobiliari, richiedendo, ad ogni prostituta, somme di denaro anche superiori a 500 euro alla settimana, fino ad acquisire un volume di affari illeciti pari ad oltre 10.000 euro al mese.

arrestato, imprenditore, prostituzione

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080