Tav Torino-Lione: l’Ue striglia il governo italiano, chiede tempi certi. La Francia ha già firmato contratti

ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

TORINO – La coordinatrice del Corridoio del Mediterraneo, Iveta Radicova, sollecita il governo italiano sui tempi di approvazione della tratta italiana della Torino Lione. Dura strigliata dell’Unione europea per l’ennesimo ritardo burocratico sulla Torino-Lione.

Ad accusare il governo di Mario Draghi, e’ stata Iveta Radicová, coordinatrice per Bruxelles per il corridoio ferroviario mediterraneo, che ha chiesto quando l’Italia intende presentare il suo progetto per la tratta da Susa alla stazione di Torino Porta Susa. E’ la cosiddetta tratta nazionale, a valle del tunnel sotto le Alpi, che deve essere finanziata dall’Italia con circa 2 miliardi. La domanda e’ stata rivolta a Alessandro Morelli, viceministro delle Infrastrutture e delle Mobilita’ Sostenibili, durante un evento a Torino. La risposta dell’esponente leghista, colto di sorpresa, e’ stata sibillina: «Non posso definire questa data».

La Radicová, ex ministro della Difesa slovacca, ha ironicamente definito “molto chiara” la risposta ricevuta, parlando da un palco allestito a Torino in occasione della prima tappa nostrana del tour “Connecting europe express”, uno speciale treno che l’Ue ha finanziato proprio per evidenziare proprio il potenziale del trasporto su ferro. Poi ha aggiunto: «Ieri in Francia abbiamo firmato contratti per oltre 3 mld per i lavori che riguardano lo scavo del tunnel di base dal lato francese, quindi la situazione è chiara, vorremo avere la stessa situazione sul versante italiano», facendo riferimento alla tratta Susa-Torino della Tav. «Noi ci aspettiamo una risposta entro aprile, ultimo termine utile, e sono sicura che arrivera’ all’ultimo come sempre», ha spiegato la Radicová, entrando nel dettaglio. «Altrimenti il rischio e’ l’ennesimo rinvio per un’opera che sara’ ultimata, se tutto va bene, nel 2032». Pensiamo che ai grillini e a Conte saranno fischiate le orecchie.

coordinatrice, europa, Tav


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080