Firenze, Maggio Musicale: debutta «La traviata» diretta da Mehta

Zubin Mehta lunedì 13 in una pausa delle prove della Traviata al Maggio (Foto Michele Monasta)

Firenze – Manca pochissimo, al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, al debutto, venerdì 17 settembre alle 20, dell’opera più rappresentata al mondo, «La traviata» di Giuseppe Verdi, che vede sul podio dell’Orchestra e del Coro del Maggio il Maestro Zubin Mehta, dimesso da Careggi venerdì e subito andato di nuovo a provare in teatro.

Questo il cast: Violetta Valéry: Nadine Sierra, Alfredo Germont: Francesco Meli; Giorgio Germont: Leo Nucci / Plácido Domingo (2 e 5 ottobre), Gastone: Luca Bernard; Flora Bervoix: Caterina Piva; Annina: Caterina Meldolesi; Il barone Duphol: Francesco Samuele Venuti; Il marchese d’Obigny; William Corrò; Il Dottor Grenvil: Emanuele Cordaro; Giuseppe: Alfio Vacanti; Un commissionario: Giovanni Mazzei; Un domestico di Flora: Egidio Massimo Naccarato.

È ambientata nel 1968 la Traviata messa in scena dal regista Davide Livermore. La locandina dello spettacolo cita esplicitamente quella del film Belle de jour, film diretto da Luis Buñuel nel 1967, nel quale Catherine Deneuve recitava la parte della signora bene che, per noia, si prostituiva di pomeriggio in un bordello. «L’opera – spiega Livermore – è ambientata negli anni della rivoluzione del ’68; la scelta del punto di vista estetico è molto divertente, ma non è solo quello. Dall’opera di Verdi prendiamo soprattutto lo scandalo che ha creato nella società, la frattura con la parte borghese e con il perbenismo. E nel 1968 questa frattura è sentita in maniera fortissima». Livermore sottolinea che «Verdi ha scritto la Traviata per la contemporaneità, anche se è stato censurato tre giorni prima del debutto. E il ’68 si sposa in maniera straordinaria con questo aspetto». La Traviata di Livermore, assicura il registra, “manterrà intatta la matrice musicale [bontà sua, n.d.r.]; su questo – dice – sono quasi maniacale. E sono grato di avere un cast di questo tipo che mi consente una profondità e una performance vocale di altissimo livello […]. Sono stato molto contento di ritrovare il maestro dopo gli anni insieme a Valencia».

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Piazza Vittorio Gui)

Venerdì 17 settembre ore 20

Mercoledì 22 settembre ore 20

Venerdì 24 settembre ore 20

Martedì 28 settembre ore 20

Sabato 2 ottobre ore 18

Martedì 5 ottobre ore 20

Biglietti da 15 a 200 euro, in vendita anche online sul sito del Maggio; servizio cortesia 0552001278, dal lunedì alla domenica 11-18

Firenze, giuseppe verdi, La Traviata, leo nucci, maggio musicale fiorentino, Placido Domingo, Stagione 2021-2022, zubin mehta

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080