Forza Nuova: Mattarella ridimensiona l’allarme delle sinistre, «il turbamento è stato grande, la preoccupazione no»

ANSA/Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica  foto d’archivio

BERLINO – « Il turbamento è stato grande, la preoccupazione no. Si è trattato di fenomeni limitati che hanno suscitato una fortissima reazione nell’opinione pubblica». L’eco dei gravi fatti di sabato a Roma e delle degenerazioni violente della protesta contro il green pass in Italia si fa sentire anche a Berlino, dove il presidente Sergio Mattarella è in visita ufficiale da ieri pomeriggio, e dove oggi incontrerà la cancelliera uscente Angela Merkel.

La domanda, inevitabile, gliela pone il suo omologo tedesco Frank-Walter Steinmeier, e la sua risposta è un segnale mandato alle cancellerie europee, un invito a guardare alla pronta reazione del popolo italiano e delle istituzioni democratiche, piuttosto che al comportamento gravissimo ma isolato di una frangia estremistica.

Quella di Mattarella a Berlino è una doppia visita di commiato, per parte sua – scadendo il suo mandato fra meno di 4 mesi – e per Angela Merkel, che attende, per la definitiva uscita di scena, il consolidarsi di una nuova maggioranza, con il suo partito – la Cdu – al momento escluso dalle trattative per dar vita al nuovo governo.

Mattarella e Steinmeier, nel lungo colloquio che hanno avuto, per circa un’ora, al Castello di Bellevue, hanno passato al setaccio tutti i temi scottanti sul tappeto, pandemia compresa, con questi rigurgiti di violenza che si manifestano proprio in una fase in cui la campagna vaccinale sembra far intravedere una via d’uscita. E poi l’Afghanistan, anche alla luce del ruolo di presidente di turno del G20 dell’Italia.

Oggi l’incontro di Mattarella con Angela Merkel.

allarme, forza nuova, Mattarella


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080