Covid-19 Italia, 27 ottobre: esplode la pandemia, 50 morti, 4.598 contagi, governo in affanno

ROMA – I nuovi dati pubblicati da Speranza, oggi 27 ottobre, mettono in difficoltà il governo. Sono 4.598 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. In aumento rispetto a ieri, quando erano stati 4.054. Sono  50 le vittime in un giorno, due più di ieri.  Gli attualmente positivi al Covid in Italia sono75.365, secondo i dati del ministero della Salute, 319 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi sono 4.752.368, i morti 131.954. I dimessi e i guariti sono invece 4.545.049, con un incremento di 4.226 rispetto a ieri.

Sono 468.104 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 639.745. Il tasso di positività è all’1%, in aumento rispetto allo 0,6% di ieri.

Sono 341 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, lo stesso numero di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute sono 27 (ieri 37). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.615, sono 11 in più rispetto a ieri.

Il Governo cerca però di coprire queste carenze e esalta la campagna vaccinale. In prima fila il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid. «Stiamo riscoprendo la normalità grazie all’effetto di una campagna vaccinale senza precedenti, che ha portato in pochi mesi proteggere oltre 46,5 milioni di italiani, che rappresentano oltre l’86% della popolazione over 12. Questi dati fanno sì che l’Italia si posizioni ben sopra la media europea, davanti a paesi come Francia, Germania e Regno Unito. La campagna sta continuando, il nostro obiettivo è sfondare la quota dell’86% e andare al 90%».

E interviene anche il premier Mario Draghi: «Oggi, grazie alla campagna vaccinale, abbiamo superato i momenti più difficili. L’Italia ha riaperto e sta ripartendo, ma non possiamo dimenticare chi ha sofferto o soffre tuttora». E ha espresso profonda ammirazione e gratitudine per i lavoratori e i volontari del terzo settore.

esplode, pandemia, Speranzai


Ezzelino da Montepulico


Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080