G20 sul clima: Draghi punta a un preaccordo, ma Pechino non partecipa

ROMA – Raggiungere un preaccordo sul clima per mettere in sicurezza la Cop26 di Glasgow. L’obiettivo del premier Mario Draghi è quello di giocare d’anticipo, affrontando con tutti i leader del G20 – Cina compresa – i nodi da sciogliere per dare una sterzata verso quelle emissioni zero la cui deadline sembra allontanarsi sempre di più.
Se Pechino ha già annunciato che non parteciperà al vertice sul clima, il presidente Xi Jinping sarà invece, se pur virtualmente, al G20 di Roma rendendo possibile un confronto diretto con il Paese che detiene il primo posto nella poco lusinghiera classifica delle emissioni di gas serra. Impensabile – quanto forse inutile – un accordo che non lo comprenda. E lo stesso discorso vale per la Russia di Putin.

Ma il primo grande vertice in presenza dopo la chiusura del mondo per difendersi dal Covid ha un’altra grande ambizione, quella di un intervento massiccio per riuscire a dare la sterzata finale alla lotta contro la pandemia. Aiutando i paesi più fragili a immunizzare la popolazione.
Verso la Cop26 che seguirà il G20 del 30 e 31 ottobre si addensano in realtà diverse nubi, non ultima la decisione dell’Australia, tra i principali paesi esportatori di carbone, di far slittare al 2050 l’obiettivo di zero emissioni nette.
Senza tappe intermedie. Canberra del resto è tra i paesi che, secondo indiscrezioni starebbe lavorando, insieme a Giappone e Arabia Saudita, per ridurre gli obiettivi del vertice. E anche dall’Onu è arrivato un appello ad una risposta più decisa da parte dei leader della terra, pena il rischio di una catastrofe.
La strada è indubbiamente in salita ma l’Italia è convinta che se è vero che ogni Paese ha le sue priorità e i suoi interessi è anche vero che sono tutti coscienti della necessità e urgenza di intervenire. Il mantra è quello di arrivare a contenere il riscaldamento globale entro 1 grado e mezzo, come previsto dagli accordi di Parigi. La difficoltà sta nelle tappe necessarie per riuscirci e nei tempi, visto che molti paesi hanno già disatteso quelli fissati a Parigi. Ma la convinzione è che, entro venerdì, si possa arrivare ad un accordo di massima.

clima, G20, preaccordo


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080