Il trionfo della rock star senese

Gianna Nannini: notte magica, concerto al Franchi in maglia viola

Gianna Nannini in concerto al Franchi con la maglia della Fiorentina (Foto Violachannel)

FIRENZE – Un trionfo al Franchi, in maglia viola. Nella ‘notte magica’, i duetti con amici e colleghi, da Coez a Loredana Bertè. Per il suo debutto a Firenze, dopo oltre 40 anni di carriera, non poteva che indossare la maglia viola, con impressi il cognome e il numero 1, dono dalla Fiorentina. E così ha fatto al termine di un trionfale concerto.

“Ho aspettato questa sera per due anni. Grazie Toscana, grazie Firenze, grazie Siena”, ha urlato Gianna Nannini dopo aver cantato “Un’estate italiana”, l’inno delle notti magiche dei Mondiali del 1990. Per la rockstar senese è stata un’apoteosi quando gli oltre 14mila elettrizzati e galvanizzati fan nella curva ‘Fiesole’ e sul prato hanno intonato con lei “Bello e impossibile” e poi “Meravigliosa creatura”: è stato allora che si è concessa anche un bagno di folla sotto il palco. Per tutto il concerto i fan hanno inscenato cori e issato striscioni per la loro beniamina (tra tutti quello che recitava “Dopo Dante Gianna Nannini”, che poi la Nannini si è anche portato sul palco avvolgendolo sulle spalle); lanciato palloncini bianchi e viola e sparato coriandoli.

La rocker senese ha dato il via alla sua ‘notte magica’ allo stadio fiorentino con “L’aria sta finendo”, canzone dell’ultimo album di inediti “La differenza” (2019). Gianna ha pensato lo show al ‘Franchi’ come un evento unico (“allo stadio si gode”), accompagnata da una band di rara eccellenza composta da Davide Tagliapietra e Milton McDonald alle chitarre, Christian Riganò alle tastiere, Steve Barney alla batteria, Francis Hylton al basso, Isabella Casucci cori. La Nannini, più energica che mai dall’alto dei suoi 67 anni, ha regalato un concertone elettro acustico con una scaletta costellata da brani più recenti come “La Differenza” e disseminata da greatest hits come “Sei nell’anima”, “Bello e impossibile”, “Fotoromanza”, “America”, suo primo successo.

Gianna ha voluto condividere la sua festa allo stadio chiamando sul palco colleghi e amici, vecchi e nuovi, per una serie di duetti, dando voce a tutti i generi possibili, dalla melodia al rock, dal hip-hop al rap: Ariete, Coez, Carmen Consoli, Litfiba, Enrico Nigiotti, Rosa Chemical, Speranza, Elodie. Il primo ospite è stato il rapper Coez: insieme hanno cantato “Motivo”, scritta in coppia proprio per l’album “La differenza”. Tra i duetti più esaltanti, quello con Loredana Bertè, a cui la Nannini ha reso omaggio cantando la sua “Dedicato”. Bertè, applauditissima e osannata dal pubblico, è voluta essere ugualmente al ‘Franchi’ nonostante una costola rotta lo scorso 3 maggio dopo il concerto di Bologna (“Ci tenevo onorare la promessa fatta a Gianna Nannini di essere sua ospite allo stadio”).

Il concerto ha visto in successione l’esecuzione di “Primadonna”, “La differenza”, “Fenomenale”, “Profumo”, “Ragazzo dell’Europa”, “I maschi”, “Vieni ragazzo” (con Ariete), “Avventuriera”, “Complici” (con Enrico Nigiotti), “Notti senza cuore”, “Hey bionda”, “Amandoti”, “Io”, “Fotoromanza”, “America” (con Speranza), “Benedetto l’inferno” (con Rosa Chemical), “Latin lover” (con Elodie), “Scandalo” (con Litfiba). Gianna Nannini ha esaudito le richieste di bis dei suoi fan cantando “Sei nell’anima”, “Ogni tanto”, “Bello e impossibile”, “Meravigliosa creatura” e infine “Un’estate italiana”. Prima del gran finale anche due omaggi: alla città che l’ha ospitata con “Firenze sogna”, canzone melodica del fiorentinissimo Narciso Parigi, eseguita in coppia con la siciliana Carmen Consoli, e “Volare” di Domenico Modugno in versione rock.

concerto in maglia viola, gianna nannini, Stadio Franchi


Gilda Giusti

Redazione Firenze Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080