Le reazioni politiche

Referendum: flop affluenza, quorum lontano. La Lega ringrazia i votanti e si scaglia contro la “censura”

ANSA/MATTEO CORNER

Nulla di fatto: quorum lontano per i cinque referendum sulla giustizia. Da fonti della Lega, promotrice dei referendum insieme al Partito Radicale, arriva un messaggio che sa tanto di bandiera bianca: “La Lega ringrazia i milioni di italiani che hanno votato o voteranno nonostante un solo giorno con le urne aperte, il silenzio di troppi media e politici, il weekend estivo e il vergognoso caos seggi visto per esempio a Palermo”.

CAOS SEGGI – La giornata, infatti, è stata segnata anche dal caos seggi nel capoluogo siciliano, con almeno 50 sezioni in cui all’inizio dell’election day (urne aperte dalle 7 alle 23) mancavano i presidenti di seggio. Matteo Salvini, in mattinata, ha espresso “preoccupazione e sconcerto” al capo dello Stato, Sergio Mattarella, per i disagi alle urne nel capoluogo siciliano. Il leader della Lega ha sottolineato “il grave danno per la democrazia in una delle città più importanti d’Italia”. Poco prima, invece, si era sfogato così: “Pazzesco, a due ore dall’inizio del voto decine di seggi ancora chiusi, e in altri si può votare solo per il Comune ma non per i referendum. Il ministro Lamorgese, il presidente Draghi e il presidente Mattarella ritengono che tutto ciò sia normale?”.

LAMORGESE – In serata, è intervenuta anche la titolare del Viminale, Luciana Lamorgese: “È gravissimo che a Palermo, senza alcun preavviso, un elevato numero di presidenti di seggio non si sia presentato per l’insediamento, ovvero abbia rinunciato all’incarico, ritardando l’avvio delle operazioni di voto”. “La Procura – ha aggiunto – valuterà gli eventuali profili di responsabilità conseguenti alle segnalazioni inviate dal Comune, competente per le procedure di insediamento dei seggi e di sostituzione dei presidenti”.

RENZI – Alle urne si sono recati anche i leader dei principali partiti. Il segretario del Pd, Enrico Letta, il presidente del M5S, Giuseppe Conte, la leader di FdI, Giorgia Meloni, e il segretario di Azione, Carlo Calenda, hanno votato a Roma in diversi momenti della giornata. A Firenze ha espresso le proprie preferenze anche il leader di Italia viva, Matteo Renzi.

BERLUSCONI – Voto milanese, invece, per gli altri due leader del centrodestra, Salvini e Silvio Berlusconi. Il presidente di Forza Italia si è scagliato contro la scelta dell’election day: “I referendum sono stati boicottati con il voto un giorno solo e col silenzio assoluto su molti giornali e sulla televisione di Stato, ma tanto col voto un giorno solo non saremmo arrivati a superare il 50%. E quindi c’è una precisa volontà di mantenere le cose come stanno”.Poi ha aggiunto: “Potevamo fare un passo avanti con questi referendum”, ma “sarà un ulteriore passo in avanti che non facciamo e resteremo nella situazione attuale. Siamo un popolo di masochisti”.

CALENDA – Il Cavaliere ha, quindi, parlato di “giustizia politicizzata che purtroppo non è morta”.Dal canto suo, invece, il leader di Azione, Carlo Calenda, ha ricordato che “votare non è solamente un diritto ma un dovere, che riguardi l’amministrazione di una città o un referendum, è la massima espressione della volontà popolare. Si è andata affermando l’idea che non andare a votare al referendum è un voto, ma nonè così perché si danneggia l’istituto del referendum. Si vada a votare no o sì ma si vada a votare”.

Calenda, censura, quorum, referendum, renzi


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080