Importante giudizio della magistratura fiorentina

Firenze: giudice tribunale riammette psicologa no vax sospesa dall’Ordine. Provvedimento illegittimo

ANSA/GIUSEPPE LAMI

FIRENZE – È destinata a far discutere la decisione del giudice Susanna Zanda della sezione civile del tribunale ordinario di Firenze – sottaciuta dai principali media – che sospende il provvedimento dell’ordine degli Psicologi della Toscana che vietava ad una dottoressa di esercitare la sua professione di psicologa perché non vaccinata.

Questa la significativa motivazione: «La sospensione dell’esercizio della professione rischia di compromettere beni primari dell’individuo quale il diritto al proprio sostentamento e il diritto al lavoro di cui all’art. 4 inteso come espressione della libertà della persona e della sua dignità, garantita appunto dalla libertà dal bisogno», è scritto tra le premesse. Tale sentenza, del 6 luglio 2022 è stata rilanciata da Radio Radio e sui social.

La giudice afferma che “Quando viene citato lo scopo di «impedire la malattia e assicurare condizioni di sicurezza in ambito sanitario», si controbatte che «questo scopo è irraggiungibile perché sono gli stessi report di Aifa ad affermarlo». La sentenza fa riferimento anche ad un «fenomeno opposto a quello che si voleva raggiungere con la vaccinazione, ovvero un dilagare del contagio con la formazione di molteplici varianti virali e il prevalere numerico delle infezioni e decessi proprio tra i soggetti vaccinati con tre dosi».

Nel contestare l’obbligo vaccinale, il provvedimento cita l’art. 32 comma 2 della Costituzione: «Dopo l’esperienza del nazi-fascismo non consente di sacrificare il singolo individuo per un interesse collettivo vero o supposto e tantomeno consente di sottoporlo a sperimentazioni mediche invasive della persona, senza il suo consenso libero e informato». Ma questo non è ipotizzabile per il giudice «allorquando i componenti dei sieri e il meccanismo del loro funzionamento è, come in questo caso, coperto non solo da segreto industriale ma anche, incomprensibilmente, da segreto “militare”».

Il testo del provvedimento contesta anche il fatto che a tutt’oggi «non si conoscono i componenti dei sieri e gli effetti a medio e lungo termine come scritto dalle stesse case produttrici mentre si sa che nel breve termine hanno già causato migliaia di decessi ed eventi avversi gravi». Inoltre, si evidenzia che «le varie convenzioni internazionali sottoscritte dall’Italia vietano l’imposizione di trattamenti sanitari senza il consenso dell’interessato perché ne verrebbe lesa la sua dignità» e che la Costituzione «non consente allo Stato e a tutti i suoi apparati centrali e periferici di imporre alcun obbligo di trattamento sanitario senza il consenso dell’interessato».

Ecco il testo completo della sentenza

Firenze, giudice, obbligo, Psicologi, sentenza, vacino


Ezzelino da Montepulico


Commento

  • MI PARE UNA SENTENZA GIUSTA E CHI SCRIVE HA DOVUTO OBBLIGATORIAMENTE FARE 3 DOSI – TRATTASI DI LESIONE DEI DIRITTI COSTITUZIONALI E ALLA FINE LA GIUSTIZIA E SOPRATTUTTO LA VERITA’ VERRANNO A GALLA….E CI SARA’ DA DIVERTIRSI …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080