Natale 2022: cena della vigilia, le ricette di Anna Maria Tinti. Dal canapè di salmone al torrone di Jijona

Le ricette di Anna Maria Tinti

FIRENZE – Il nostro giornale “Firenze Post”, augura a tutti i lettori un grande Natale 2022. E lo fa con qualciosa di buono e molto concreto, ossia le deliziose ricette per la cena della vigilia della festa più bella dell’anno firmate dalla nostra esperta, Anna Maria Tinti. Di nuovo auguri. E buon appetito!

CANAPE’ DI SALMONE con miele e formaggio cremoso, cozze allo zenzero e panna
Ingredienti
salmone affumicato
150 gr di formaggio cremoso spalmabile
200 gr di panna da cucina
1 cucchiaio di miele
sale e pepe al gusto
erba cipollina tritata
pane a cassetta tagliato a triangolo e tostato
Preparazione

  • in un contenitore unire il formaggio cremoso, la panna liquida, il miele e
    e l’erba cipollina
  • tostare il pane a cassetta nel forno o nel tostapane
  • allinearle in un vassoio
  • spalmare sul pane la salsa di miele e panna, arrotolare una fettina di salmone ed appoggiarlo sulle tartine
    COZZE ALLO ZENZERO E PANNA
    ingredienti per 4 persone
    1 kg di cozze pulite
    1 bicchiere di vino bianco
    10 gr di zenzero
    1 cipolla di tropea
    2 gambi teneri di sedano
    rametti di coriandolo o prezzemolo
    un vasetto da 125 gr di yogurt greco
    1 spicchio di aglio
    succo di 1 limone
    Preparazione
    -lavare bene le cozze togliendo anche i filamenti e farle aprire al
    vapore in una pentola coperta
  • scolarle e filtrare il il liquido che hanno fatto, mettendolo da parte
  • togliere una valva alla cozza ed accomodare l’altra con il mitilo sul vassoio sul quale poi verranno servite
  • tritare finemente lo zenzero e l’aglio, meno finemente la cipolla
    di tropea, il sedano ed il prezzemolo,
  • unire tutto in una ciotola aggiungendo il liquido filtrato delle cozze, lo yogurt e il succo di limone
  • condire con questa salsa le cozze e se di vostro gradimento aggiungete altra cipollina di tropea tritata
    RUOTA PESCE SPADA ALLO ZAFFERANO
    Ingredienti per 4 persone
    4 fette di merluzzo
    12 gamberoni grandi lavati ed eviscerati

1 cucchiaio di farina
2 porri
vino prosecco 200 ml
100 ml di olio EVO
200 ml di brodo di pesce
1 bustina di zafferano
12 patatine novelle
prezzemolo fresco al gusto per guarnire
sale e pepe al gusto

Come preparare la ricetta

  • per iniziare tagliare i porri a rondelle
  • mettere al fuoco una padella abbastanza capiente con l’ olio e
    farlo scaldare
  • metterci le rondelle di porro, quindi coprite e a fuoco basso fatele
    cuocere fino a che diventino tenere
  • versare il prosecco, il brodo di pesce e lo zafferano unendo anche
    le patatine novelle
  • coprire e far cuocere a fuoco medio per circa 25 minuti, fino a che le
    patatine siano cotte; quindi metterle da parte
  • passare la salsa al mixer se preferite una salsina cremosa e non volete
    lasciare le rondelle di porro
  • rimettere la salsa nella padella ed adagiare i pezzi di merluzzo e
    i gamberoni puliti
  • fare cuocere per circa 8/10 minuti
  • aggiustare di sale e pepe
    -servire ben caldo guarnendo di prezzemolo tritato

SALMONE FRESCO AL PROSECCO
IngredientI per 4 persone
4 tranci o ruote di salmone fresco
1 cipolla media
1 bicchiere di prosecco
sale e pepe al gusto
olio extra vergine di
oliva
1 cucchiaio di farina
250 gr panna da cucina
prezzemolo fresco tritato per guarnire
Preparazione

  • assicurarsi che le ruote di salmone o i filetti siano privi di spine
  • tagliare la cipolla a julienne
  • mettere l’olio in una padella capiente e far cuocere la
    cipolla a fuoco basso
  • unire la farina e mescolare con la cipolla
  • aggiungere il vino e farlo evaporare
  • unire ora la panna da cucina e il sale e pepe al gusto
  • appena la salsa comincia a riprendere il bollore, adagiare le fette di
    salmone e coprire la padella
  • fare cuocere il pesce per circa 5 minuti
    -servire ben caldo, spolverando con prezzemolo fresco tritato o erba
    cipollina
    TORRONE DI JIJONA
    Il torrone di Jijona nasce nella provincia di Alicante.in
    particolare nella città di Jijona. E’ un torrone morbido composto di
    mandorle tritate e miele.
    Esiste un organismo, chiamato CONSEJO REGULATOR DEL JIJONA Y TURRON DE
    ALICANTE che e’ incaricato di verificare che vengano soddisfatti tutti
    i requisiti affinche’ il torrone possa essere considerato prodotto IGP
    Ingredienti per 1 torrone
    300 gr di farina di mandorle o mandorle tostate e poi tritate
    finemente
    200 g di miele
    200 gr di zucchero a velo
    50 g di cannella ( opzionale )
    2 gr di buccia di limone grattugiata
    un pizzico di sale
    30 gr di chiara di uovo
    Come prepararlo
  • anche se si usa la farina di mandorle, si deve comunque tostarla in
    una padella a fuoco medio per alcuni minuti
  • girare continuamente per alcuni minuti, prestando attenzione a non farla
    bruciare, fino a che non si ottenga un colore dorato e si inizi a sentire
    l’odore caratteristico delle mandorle tostate
  • togliere dal fuoco e far raffreddare
    -se si utilizzano le mandorle intere, vanno tostate e poi messe in un
    robot da cucina abbastanza potente per poter ottenere una farina molto
    fine
  • mettere al fuoco una padella con il miele facendolo riscaldare,
  • unire lo zucchero a velo e farlo sciogliere girando
    continuamente con un mestolo fino a che si ottenga un liquido vischioso e
    lo zucchero sia totalmente sciolto
  • togliere quindi dal fuoco la padella
  • montare la chiara dell’uovo fino a che diventi spumoso ed andare a
    incorporarlo agli altri ingredienti
  • rimettere la padella al fuoco a temperatura molto bassa e fare
    cuocere mescolando continuamente fino a che si formi una crema soda, però
    evitando che si cuocia la chiara
  • togliere dal fuoco ed unire farina di mandorle e la cannella ( se
    piace) un pizzico di sale e la buccia grattugiata di un limone
  • lavorare con energia fino ad ottenere una massa malleabile e densa
  • preparare uno stampo per il torrone foderandolo di carta da forno
  • spingere bene la preparazione ottenuta per compattarla, appiattirla
    e cercando di riempire tutti i vuoti di aria
  • accomodare bene l’ impasto, quindi livellarlo e coprire con pellicola
    trasparente – mettervi un peso sopra che lo copra completamente, ad
    esempio si può usare un cartone di latte-
  • far raffreddare almeno una notte nel frigorifero con il peso sopra
    prima di servirlo
    Auguri di Buone Feste!!!

anna maria tinti, Cena della vigilia, le ricette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080