Indetto da Casa Buonarroti. Ecco i vincitori

Michelangelo, un concorso letterario sulla giovinezza del Genio

di Giulia Ghizzani - - Cronaca

La statua di Michelangelo Buonarroti (Galleria degli Uffizi)

La statua di Michelangelo Buonarroti (Galleria degli Uffizi)

FIRENZE – E’ la prima giovinezza di Michelangelo a Firenze il tema scelto per l’edizione “zero” del concorso bandito da Casa Buonarroti e rivolto a tutti i ragazzi delle scuole medie e superiori di Firenze e provincia. Un’occasione importante e costruttiva, per gli studenti, di confrontarsi con il genio toscano, resa possibile – oltre all’impegno della Sezione Didattica della Fondazione di Casa Buonarroti – grazie al fondamentale contributo della Banca di Credito Cooperativo di Cambiano e di Unicoop Firenze. L’iniziativa vanta inoltre il patrocinio del Comune e della Provincia di Firenze.

La riflessione che Casa Buonarroti ha lanciato agli studenti parte dalla seguente domanda: “In occasione dell’approssimarsi del cinquecentesimo anniversario della morte di Michelangelo, quale significato assume per te oggi la sua opera giovanile e cosa ti fa pensare?”. Tanti i racconti pervenuti, come sottolinea il presidente di Casa Buonarroti Eugenio Giani.

“L’amore per Michelangelo e il fascino del suo talento artistico – ha commentato Giani – rimangono immutati nel corso del tempo e nel passaggio delle generazioni, ma è importante suscitarlo in forme aderenti ai nuovi tempi con questo concorso, che ha riscosso un grande successo tra i giovani”.

Ecco i nomi dei primi classificati: Giovanni Lovisetto, Emma Rossi del Liceo Classico Michelangiolo, Elena Bandinelli del Liceo Classico Dante, Diletta Socci del Liceo Scientifico Newton hanno vinto il primo premio (un assegno di 600 euro). Il secondo premio (un assegno di 250 euro) è andato infine a Eleonora Rellini, del Liceo artistico “Leon Battista Alberti”.

Tag:,

Giulia Ghizzani

Giulia Ghizzani

Giornalista

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.