Ciclismo: la Toscana potenzia il sistema sanitario per i mondiali

Per i mondiali di ciclismo potenziato il sistema sanitario toscano
Per i mondiali di ciclismo potenziato il sistema sanitario toscano

FIRENZE – Nella settimana dei mondiali di ciclismo, dal 22 al 29 settembre, la Regione potenziare il proprio sistema sanitario. Una cabina regia, un comitato operativo, e una serie di azioni sui territori per potenziare e assicurare l’ordinaria assistenza sanitaria alla popolazione residente e ai molti spettatori che arriveranno in Toscana per i mondiali.

E’ previsto il coinvolgimento di oltre un milione e mezzo di spettatori lungo il percorso, di cui 350 mila provenienti da fuori della Toscana e dell’Italia, oltre a mille atleti e circa 7 mila persone accreditate. «Un evento di grande importanza -ha sottolineato l’assessore alla Salute Luigi Marroni- e di grande impegno anche per le strutture del servizio sanitario regionale, chiamato a garantire un livello appropriato di assistenza sanitaria per tutti coloro che saranno coinvolti nell’evento sportivo, e ad assicurare al tempo stesso lo svolgimento di tutte le attività ordinarie e straordinarie per l’intera popolazione toscana».

I ciclisti in allenamento sulla salita di Fiesole
I ciclisti in allenamento sulla salita di Fiesole

Il progetto messo a punto dalla Toscana ha ricevuto l’approvazione preliminare da parte dell’Unione ciclistica internazionale e del Comitato organizzatore del mondiale. Marroni ha ricordato che «è stata potenziata la normale attività sanitaria, coinvolgendo sette Asl per aumentare i servizi, specie nelle aree dove si svolgono le gare. Abbiamo potenziato i servizi e la rete sanitaria. Fondamentale è anche il ruolo del mondo del volontariato che ha dato la sua disponibilità. La Regione fornisce poi supporto per l’assistenza agli atleti che viene svolta dall’organizzazione dei mondiali».

ciclismo, sanità

Commento

  • per questa occasione e in preparazione dei mondiali di ciclismo viene eseguito tante opere alcune anche utili, ci volevano.
    Io suggerisco di rivedere i giunti che sono sul ponte dell’ indiano che a ogni passaggio di un mezzo pesante fanno un rumore come un colpo di maglio, di notte con le finestre aperte è compromesso il nostro sonno, non vorremmo usufruire del servizio che andate a potenziare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080