Mondiali di ciclismo, il Coni preferisce Renzi. E Rossi s’arrabbia

La Regione snobbata dal Coni
La Regione snobbata dal Coni
La Regione snobbata dal Coni

FIRENZE – ‘Amarezza per una scelta scorretta dal punto di vista istituzionale e che certo non valorizza il grande impegno profuso dalla Regione e dal complesso delle istituzioni locali coinvolte nell’organizzazione del Mondiale di ciclismo’. ‘Il presidente della Toscana, Enrico Rossi, non usa mezzi termini dopo la conferenza stampa di presentazione della manifestazione, svoltasi questa mattina alla sede del Coni di Roma, alla quale è stato invitato a partecipare il solo Comune di Firenze rappresentanto dal sindaco Matteo Renzi.

Il presidente Rossi ha inviato una lettera ai presidenti del Coni, Giovanni Malago’, del comitato organizzatore della manifestazione iridata, Angelo Zomegnan, e della Federazione italiana ciclismo, Renato di Rocco, dove si sottolinea di trovare “inspiegabile che a questo appuntamento non siano stati chiamati la Regione e tutte le altre istituzioni locali coinvolte, che questo grande evento hanno voluto e sostenuto con convinzione fin dall’inizio. In particolare non si può certo ignorare che e’ proprio grazie alla Regione, che ha investito nella manifestazione oltre 20 milioni, se tutto e’ stato organizzato al meglio”.

“Oggi e’ stata compiuta una scelta – continua la lettera  di Rossi – che non si spiega ne’ con gli interessi della manifestazione, ne’ con l’obiettivo di favorire quella positiva collaborazione istituzionale che ha sin qui garantito il buon lavoro svolto per realizzare un grande e bel Mondiale. Tuttavia non verrà meno il nostro impegno, che sarà pieno fino all’ultimo sprint, perché prima di tutto viene il Mondiale, il suo successo e la diffusione di un’immagine positiva della Toscana e dell’Italia”.

Mondiali di ciclismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080