Indagini della Gdf di Torino, controlli anche in Toscana

Maxi frode su prodotti informatici, arresti e denunce

False fatturazioni, arresti e denunce della Gdf di Torino con controlli anche in Toscana
False fatturazioni, arresti e denunce della Gdf di Torino con controlli anche in Toscana

FIRENZE – Due imprenditori torinesi, attivi nel commercio di prodotti informatici, sono stati arrestati dalle Fiamme Gialle per un giro di false fatturazioni, con cui avrebbero sottratto al Fisco un imponibile di 80 milioni di euro e 18 milioni di Iva non pagata.

58 società coinvolte, 42 italiane e 16 straniere in dieci stati esteri. Si indaga anche in Lombardia, Liguria, Toscana, Marche e Lazio.

Gran parte della merce partiva da società comunitarie e rientrava presso le stesse, senza arrivare mai al consumo finale, attraverso un meccanismo di società, alcune delle quali completamente fittizie o intestate a prestanome, che consentiva di non pagare l’Iva. I due imprenditori riuscivano a vendere il materiale informatico sottocosto provocando danni alla concorrenza. Le regioni in cui la Guardia di Finanza sta intervenendo sono Piemonte, Lombardia, Liguria, Toscana, Marche e Lazio.

arresti, Fisco, frode, Gdf, Iva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080