«E’ il solo modo per riconciliarsi con il suo popolo»

Rossi, alla Sinistra servono più furore e passione

di Redazione - - Politica

Enrico Rossi si appella alla Sinistra

Enrico Rossi si appella alla Sinistra

FIRENZE – «Più furore e meno cautele. Più passione e meno freddo intelletto nell’interpretare il disagio sociale e nel governarlo. E’ ciò che serve alla sinistra per riconciliarsi con il suo popolo». Lo scrive il governatore della Toscana Enrico Rossi  in un post sul suo profilo facebook, precisando di aver rivisto il film di John Ford e letto il libro «Furore» di John Steinbeck nella traduzione nuova senza le censure fatte dal fascismo e poi rimaste nelle edizioni italiane. Tra i tagli che più colpiscono Rossi  c’è anche il discorso di Tom Joad alla madre, «che invece abbiamo ascoltato, ma solo  parzialmente e pure edulcorato, nel film e soprattutto in forma integrale nella bellissima canzone ‘The gost of Tom Joad’ di Bruce Springsteen, scritta nel 1995 nel pieno trionfo della globalizzazione liberista. La crisi non era ancora scoppiata e la sinistra coltivava l’illusione che le contraddizioni del capitalismo si potevano mitigare con le blande politiche riformiste di Clinton, dell’Ulivo mondiale e con il socialismo all’acqua di rose di Tony Blair. Ecco le parole censurate che stanno alla base della canzone di Springsteen e che sono di forte denuncia sociale oltre che un invito esplicito alla ribellione e alla lotta per la dignità e i diritti dell’uomo».

Il libro di Steinbeck è in sintonia con l’ideologia del new deal roosveltiano, ma l’inferno sociale che descrive, annota Rossi, sembra ripresentarsi nuovamente,  come la necessità della solidarietà e della speranza per costruire un nuovo corso economico e sociale.

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: