Firenze, legato dentro un cassonetto: giovane salvo per miracolo

Il cassonetto dal quale è stato estratto vivo il giovane imbavagliato
Il cassonetto dal quale è stato estratto vivo il giovane imbavagliato

FIRENZE – Qualcuno l’ha buttato  nel cassonetto credendolo già morto? O probabilmente pensava che sarebbe finito fra gli ingranaggi tritatutto del camion della spazzatura? Oppure è successo qualcos’altro? In ogni caso,  quasi miracolosamente, un giovane di 34 anni anni, albanese,  è stato salvato da morte sicura. Provvidenziale l’intervento di una donna che, andata a buttare il sacchetto dell’immondizia, ha sentito dei lamenti.

E’ accaduto poco dopo le 6 di stasera, 5 maggio, fra via Campi Lunghi e via Vecchia di Pozzolatico, quasi al confine fra il Galluzzo e l’Impruneta, alle porte di Firenze. La signora con il sacchetto della spazzatura, lì per lì, ha creduto si trattasse di un animale, forse un gattino. Poi ha cominciato a capire che potesse trattarsi di gemiti umani, forse di una donna. O  di un bambino. Ma non è stata troppo a indagare, non ha perso tempo e ha dato l’allarme. Appena in tempo.  L’arrivo tempestivo della Misericordia del Galluzzo e dei vigili del fuoco ha scongiurato il peggio. I pompieri hanno dovuto segare il czassonetto.  Il medico della Misericordia si è precipitato dentro  per portare le prime cure. Poi il giovane è stato trasportato all’ospedale. Le forze dell’ordine hanno avviato le indagini per ricostruire l’accaduto.

118, Vigili del Fuoco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080