Firenze, «debutto» di Gogol con «Diario di un pazzo»

Alexander Balanescu e Marius Manole in «Diario di un pazzo»
Alexander Balanescu e Marius Manole in «Diario di un pazzo»

FIRENZE – «Fabbrica Europa» porta in prima nazionale al Teatro Cantiere Florida il «Diario di un pazzo», pièce ispirata al racconto di Nikolaj Gogol, che vede sul palco Marius Manole, il più importante esponente della nuova generazione di attori rumeni, e il celebre virtuoso del violino nonché compositore Alexander Balanescu. La regia è di Felix Alexa.

Già nel famoso racconto di Gogol umorismo, dramma e follia si fondono, dando vita a universi fantastici che finiscono per prendere il controllo della mente del protagonista. In questo spettacolo molto fuori del comune Felix Alexa ha creato un dialogo tra la musica e gli stati emotivi estremi del protagonista del racconto; questo è interpretato da Marius Manole, mentre Alexander Balanescu evoca e tratteggia col suo violino tutti gli altri personaggi.

Spiega il regista Felix Alexa: «In un mondo che sembra ribaltarsi, cosa c’è di meglio, al giorno d’oggi, di questa completa follia di Gogol? Viviamo in un tempo in cui le incognite sono così grandi che tutti noi, in un modo o nell’altro, vorremmo fuggire in un mondo parallelo. Il mio spettacolo parla di fragilità e di immaginazione. Una sinfonia fantastica ed emozionante, con accordi di umorismo nero, dove si crea una sottile connessione tra testo e musica, tra reale e immaginario».

Se Marius Manole è noto essenzialmente agli appassionati di teatro, Alexander Balanescu ha raggiunto da tempo una celebrità a largo spettro, anche grazie al «Balanescu Quartet». Fondato nel 1987, il gruppo ebbe in men che non si dica un gran seguito di pubblico, specie per l’energia e la vitalità delle esibizioni live e per il tipo di musica tipo di musica accessibile e comunicativa, che ben riflette l’appassionata fede nello scambio fra i diversi generi musicali del suo autore. Balanescu, conosciuto internazionalmente come violinista visionario, artista poliedrico, prolifico compositore e nello stesso tempo eccellente esecutore, ha suonato stabilmente per ben quindici anni con un compositore della notorietà di Michael Nyman. Da solo o col «Balanescu Quartet» ha collaborato inoltre con Gavin Bryars, Kevin Volans, John Lurie, David Byrne, Keith Tippett, Carla Bley, Rabih Abou Khalil, Kate Bush, i  Kraftwerk. Innumerevoli le musiche per spettacoli teatrali e per colonne sonore di film anche famosi.  Negli ultimi anni la vena folk di Balanescu si è esercitata nella rielaborazione in chiave personale di canti tradizionali popolari, interpretati dalla grande cantante rumena Maria Tanase. Avvalendosi della Tanase e delle creazioni videoartista austriaco Klaus Obermeier il «Balanescu Quartet» ha realizzato nel 2008 uno spettacolo estremamente innovativo per l’Art Rock Festival in Bretagna. I progetti più recenti lo hanno visto collaborare con il gruppo ungherese Muzsikas, con la cantante Marta Sebestyen e perfino con la straordinaria cantante e attrice Ada Milea, con la quale ha realizzato «The Island».

 Teatro Cantiere Florida (via Pisana 111 rosso, Firenze)

giovedì 15 e venerdì 16 maggio, ore 21

«Diario di un pazzo», da Nikolaj Vasil’evic Gogol; regia, adattamento del testo, disegno luci: Felix Alexa
con Marius Manole e Alexander Balanescu
scenografia e costumi: Diana Ruxandra Ion; musica: Alexander Balanescu; produzione: ArCuB Bucarest

Info: Fondazione Fabbrica Europa per le Arti Contemporanee. Tel +39 055 2480515 / 055 2638480
www.fabbricaeuropa.net

Fabbrica Europa, Musica, Teatro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080