Protezione civile e vigili del fuoco all'opera dal pomeriggio

Bomba d’acqua in Maremma: a Orbetello abitanti in salvo ai piani alti. Famiglie evacuate nella zona dell’Albegna

di Domenico Coviello - - Cronaca, Primo piano

Un mezzo anfibio dei vigili del fuoco ha tratto in salvo 17 persone alla Marsiliana. Monitorato anche il fiume Albegna che ha raggiunto il livello di guardia nella zona di Quarto e alla Marsiliana, dove nel 2012 ruppe gli argini. L'elicottero dei vigili del fuoco inviato dall'aeroporto militare romano di Ciampino ha fatto scalo all'aeroporto militare di Grosseto con altre persone evacuate dalle zone alluvionate

L’Albegna durante l’alluvione del novembre 2012

ORBETELLO  – Violenta bomba d’acqua in Maremma con conseguenze molto gravi per la popolazione. Nel tardo pomeriggio di oggi 14 ottobre, a causa della fortissima ondata di maltempo in corso in queste ore, il Comune di Orbetello ha avvisato gli abitanti, anche con sms, chiedendo di spostarsi ai piani alti delle abitazioni, e ha deciso di evacuare, a scopo precauzionale, tramite un servizio di avviso puntuale casa-casa le famiglie delle zone particolarmente a rischio di Polverosa, Aunti, Alberone e Priorato. I vigili del fuoco hanno tratto in salvo altre 9 persone colpite da ipotermia. Traffico bloccato sull’Aurelia, tra Orbetello e Albinia.

Colpita anche la zona delle colline del Fiora. È crollato un ponte sul torrente Gattaia presso Saturnia dove le stesse terme sono state invase, comprese le piscine, da detriti di acqua e fango.

STRADE INTERROTTE :

  • SR 74 Maremmana da località Sgrillozzo fino a Manciano;
  • SP 94 S.Andrea tratto dal ponte sul fiume Albegna all’intersezione con SP 146 Aquilaia;
  • SP 10 Follonata uin corrispondenza dei ponti sui torrenti Gattaia e Stellata
  • SP 101 Sgrilla per 3 km dal bivio con SR 74

L’acqua ha invaso la località Barca del Grazi (Orbetello), già devastata dall’alluvione del 2012. Diverse famiglie sono arrivate al Palazzetto dello Sport di Orbetello, individuato come punto di raccolta: è stata infatti disposta in via cautelare l’evacuazione dei nuclei familiari che abitano nelle zone di maggiore criticità.

Un mezzo anfibio dei vigili del fuoco ha tratto in salvo 17 persone alla Marsiliana. Monitorato anche il fiume Albegna che ha raggiunto il livello di guardia nella zona di Quarto e alla Marsiliana, dove nel 2012 ruppe gli argini. L’elicottero dei vigili del fuoco inviato dall’aeroporto militare romano di Ciampino ha fatto scalo all’aeroporto militare di Grosseto con altre persone evacuate dalle zone alluvionate.

Sempre questo pomeriggio una bomba d’acqua si è abbattuta in comune di Manciano (Grosseto): il torrente Elsa, affluente del fiume Albegna, è esondato. Gravi problemi alla circolazione stradale: un’ambulanza è rimasta bloccata nel fango ed è intervenuto l’elisoccorso per aiutare il personale e il paziente a bordo.

La Provincia di Grosseto ha diramato un comunicato invitando a «evitare gli spostamenti» su veicoli. Invasa dall’acqua, e interrotta, la strada statale 74 Maremmana da località Sgrilla fino a Manciano, che è raggiungibile da Scansano, oppure da Montalto. Gravi difficoltà anche sulle provinciali Sgrilla e Sgrillozzo dove il reticolo idraulico delle ex bonifiche non starebbe più sostenendo gli effetti del temporale. Numerosi i poderi isolati. Danni anche ad attività commerciali. Un elicottero, Drago 67, dei vigili del fuoco è stato inviato dall’aeroporto di Ciampino (Roma) per raggiungere le fattorie isolate ma il velivolo incontra notevoli difficoltà nell’avvicinarsi agli ‘obiettivi’ a causa delle avverse condizioni meteorologiche. I vigili del fuoco hanno fatto intervenire un mezzo anfibio per raggiungere le zone più colpite. Danni anche nel territorio di Montemerano.

«L’Albegna crea problemi ancora una volta in Maremma», ha detto il governatore Rossi. Ci sono stati, da parte del Consorzio di bonifica della Toscana sud, «ritardi ingiustificabili per un ente a cui spetta di intervenire per la sicurezza idraulica». «In quella zona – spiega Rossi – sono già stati fatti molti interventi, finanziati dalla Regione Toscana con il piano da 100 milioni del dicembre 2012. A luglio di quest’anno ho diffidato il Consorzio di Bonifica della Toscana Sud perché in ritardo di un anno sulla progettazione esecutiva di un argine remoto sul fiume Albegna, per una spesa di oltre quasi 5 milioni nel comune di Manciano dove al momento ci sono allagamenti che potevano essere evitati. Ho già commissariato quel Consorzio per i ritardi per la cassa di espansione sul fiume Bruna per tre milioni e mezzo di euro nel comune di Gavorrano. Sono ritardi ingiustificabili per un ente a cui spetta di intervenire per la sicurezza idraulica».

 

AGGIORNAMENTO ORE 22:15

SCUOLE CHIUSE: Il comune di Orbetello ha deciso la chiusura – per la sola frazione di Albinia – delle scuole di ogni ordine e grado e degli asili. Aperte invece tutte le altre scuole del territorio comunale.

 

LEGGI ANCHE :

14 ott 2014 – Maremma due morti nella macchina travolta dall’acqua del fiume Elsa. Salvati con l’elicottero altri automobilisti intrappolati

 

Tag:, ,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Giornalista
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: