L'avrebbero trascinato a riva le correnti

Grosseto: cadavere (irriconoscibile) sulla spiaggia della Feniglia. Non sarebbe in relazione al maltempo

di Redazione - - Cronaca

La spiaggia della Feniglia, nel comune di Orbetello

La spiaggia della Feniglia, nel comune di Orbetello

GROSSETO – Non ci sarebbe alcun collegamento con il maltempo che ha colpito la Maremma riguardo al cadavere ritrovato stamani, 15 ottobre,  sulla spiaggia della Feniglia, all’Argentario. Da quanto si è appreso, la salma sarebbe stata portata a riva dalle correnti dopo essere rimasta in acqua per diversi giorni. Il cadavere sarebbe irriconoscibile e a prima vista non è stato possibile stabilire se si tratti di un uomo o di una donna. Si attendono gli accertamenti del medico legale. Sul posto sono  intervenuti i carabinieri. Escluso dagli investigatori, come detto, qualsiasi collegamento con il maltempo che ieri ha colpito il Grossetano.  Si stanno valutando invce le denunce di persone scomparse.

AGGIORNAMENTO DELLE 19.30

E’ di un uomo il cadavere rinvenuto stamani nella spiaggia della Feniglia all’Argentario (Grosseto). Dai primi accertamenti sarebbe solo emerso che sarebbe alto circa un metro e 90: la salma è irriconoscibile. Il cadavere è stato trasferito all’obitorio di Grosseto in attesa delle decisioni della procura sull’autopsia. Intanto si stanno vagliando le denunce di scomparsa. In provincia di Grosseto dall’inizio di ottobre sono in corso le ricerche di un impiegato dell’Asl grossetana, Danilo Manenti, 48 anni, scomparso da Marina di Grosseto dove vive. Proprio sulla spiaggia di Marina è stato ritrovato un cappellino appartenente all’uomo. Da ieri nelle ricerche sono impegnati anche 80 militari del Reggimento Savoia Cavalleria di Grosseto.

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: