Cosa fare di giorno e di sera

Week End 29-30 aprile e 1 maggio 2017: eventi, feste, sagre, spettacoli

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo, Sport

Stampa Stampa

FIRENZE

Il Giardino dell’OrticolturaMostra dei fiori – Dal 25 Aprile al 1 Maggio al Giardino dell’Orticoltura  (Via Vittorio Emanuele II,4 e Via Bolognese, 17) c’è la Mostra mercato primaverile di piante e fiori. Una delle più antiche manifestazioni del settore, conta oltre 60 partecipanti selezionati tra i migliori florovivaisti nazionali. Le novità di quest’anno sono le fioriere e gli arredi in legno, le casette in legno da giardino, oltre agli assortimenti di rose, agrumi, acidofile, orchidee, piante succulente, carnivore, accessori da giardino, bonsai, fioriture stagionali, fruttiferi, erbacee perenni, bulbi e acquatiche Dalle 9.00 alle 19.30. Ingresso libero.

Mostra dell’Artigianato – Edizione all’insegna del pop per l’81° Mostra Internazionale dell’Artigianato, la prima fiera dell’artigianato certificata in Italia, organizzata da Firenze Fiera in collaborazione con le principali istituzioni ed associazioni di categoria fino al 1 maggio alla Fortezza da Basso. Moltissime sezioni interne, compresa quella dedicata al cibo; ci sono anche nuove aree espositive come Design Space: home decor. La Mostra è aperta al pubblico dalle ore 10.00 alle ore 22.30, ultimo giorno chiusura ore 20.00.  Biglietti interi festivo 6 euro, feriale 4 (o 2 ingressi 6 euro); ridotti: festivi 4, feriali 2,50. www.mostraartigianato.it

Le bande per il Maggio – In Piazza della Signoria, sull’Arengario di Palazzo Vecchio, domenica 30 alle 17, per «Le domeniche delle bande» del Maggio Musicale Fiorentino, suona la Filarmonica Gioachino Rossini di Firenze. Altre quattro bande, provenienti da altrettante città della Toscana, si esibiranno gratis ogni domenica alla stessa ora per tutto maggio, parallelamente allo svolgersi del Festival.  Il titolo del concerto di domenica 30 aprile è «Musica e storia. 1859. Indipendenza della Toscana».

Concerto alla Cappella dei Principi – Domenica 30 aprile alle 11 nella Cappella dei Principi, all’interno del Museo delle Cappelle Medicee (Piazza Madonna degli Aldobrandini, Firenze; ingresso con biglietto del museo; info: istitutoclementeterni@gmail.com, 338 8963453) l’Istituto Clemente Terni, in collaborazione col Museo, presenta «Dic nobis, Maria», concerto del Gruppo vocale Prismatico InCanto diretto da Fabrizio Bartalucci. La Cappella dei Principi, luogo di esaltazione del potere dinastico mediceo, è un ambiente sospeso nel tempo; luogo di liturgia e di musica, fatto realizzare a partire dal 1604. I marmi policromi e le varie pietre, artisticamente assemblati a formare motivi sorprendenti, sembrano evocare trasformazioni alchemiche, misteriose, al confluire dei regni animale, vegetale e minerale. Il programma del concerto, diviso in due parti (una più propriamente barocca e l’altra di epoche successive), intende mettere in risalto la figura della Vergine Maria, corrispettivo musicale di un luogo siffatto, colei che è sollecitata a trasmettere la verità del mistero pasquale: «Dic nobis, Maria, quem vidisti in via?».

Finale di stagione con Statuto – All’Auditorium FLOG (via M. Mercati 24b; dalle 21.30) sabato 29 aprile grande festa di chiusura con i ritmi Ska-Rock-Soul-Beat degli Statuto, in tour per festeggiare i 25 anni dall’uscita del loro album più famoso, Zighida’, che esce per la Universal in una nuova versione risuonata con un sacco di ospiti di grande prestigio, uno diverso per ogni brano. Nati nel 1983, presero il loro nome dalla piazza dove si ritrovavano i Mods a Torino, dei quali sono diventati l’espressione musicale anche a livello nazionale. Primi in assoluto in Italia a suonare Ska con testi in italiano, pubblicano il primo album nel 1988, raggiungono il massimo della popolarità nazionale grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo col brano «Abbiamo vinto il Festival di Sanremo», che arriva in finale e raggiunge immediatamente la hit-parade, dove rimane per due mesi. Segue Rockoteca con i DJS della Stagione. Apertura porte ore 21,30, ingresso 10 € (in prevendita € 8+d.p.)

Florence Ice Gala – Sabato 29 al Mandela Forum (Piazza Berlinguer) «Florence Ice Gala», show che per la prima volta porterà le star del pattinaggio artistico su ghiaccio a Firenze. Tra le star, il pluricampione mondiale ed olimpico Evgeny Plushenko, lo “zar” del ghiaccio autentica icona di questa disciplina, la campionessa olimpionica Adelina Sotnikova (nella foto), la straordinaria coppia formata da Aljona Savchenko e Bruno Massot, i campioni mondiali di danza Anna Cappellini e Luca Lanotte, Valentina Marchei e Ondrej Hotarek, sesti classificati ai Campionati Europei nelle coppie, il campione italiano Ivan Righini, la vice campionessa italiana Roberta Rodeghiero, e giovani talenti come Daniel Grassl. Come di consueto negli spettacoli del pattinaggio artistico al Mandela Forum saranno tante le sorprese e la più significativa sarà sicuramente la partecipazione di grandi campioni del pattinaggio artistico a rotelle come Silvia Nemesio, Marco Santucci, Pierluca Tocco, Danilo Decembrini, Monica Gimeno Coma, Daniel Arriola che si cimenteranno con un  attrezzo diverso da quello consueto. In scaletta anche un numero collettivo con la partecipazione di oltre 100 giovani talenti provenienti dalle scuole di pattinaggio di tutta Italia: tra loro anche gli atleti delle due società toscane del pattinaggio artistico su ghiaccio, la Giglio Bianco di Firenze e Pattinaggio Artistico Toscana di Pistoia. Lo show prevede momenti di coinvolgimento di altre discipline artistiche, musica dal vivo, giochi di luci spettacolari e proiezioni sul ghiaccio di animazioni realizzate con la tecnologia del video mapping in cui gli artisti sembrano giocare ed interagire con le immagini. Biglietti da 26 a 115 euro. Info 051 6272148 – 335 8244308 www.skate-power.it

«Florence Cocktail Week» – Da lunedì 1 maggio a Firenze c’è la «Florence Cocktail Week» manifestazione, ideata e organizzata da Paola Mencarelli e Lorenzo Nigro, riunirà  16 bartender di caffè storici fiorentini, bar di lussuosi alberghi e locali di tendenza del capoluogo toscano. CAlendario degli eventi su http://www.florencecocktailweek.it/

Musica da Ripostiglio – Alla Sala del Rosso (presso Castello del Bisarno, via di Badia a Ripoli, 5) sabato 29 aprile alle 22 ci sono i Musica da Ripostiglio, più uno spettacolo che un concerto; ingresso 10€, consigliata tempestiva prenotazione.

Ragazzi Scimmia e Balkan Tir – Al Combo Social Club (via Mannelli 2, ore 22, ingresso libero) domenica 30 ci sono I Ragazzi Scimmia, reduci dal fortunato tour “La mistica dei bar”, che poi si uniscono ad alcuni elementi della Baro Drom Orkestar e continuano a suonare col nome di Balkan Tir: nome che vuole evocare un lungo automezzo carico di musicisti indiavolati, amanti delle ritmiche d’est europa e bisognosi incendiare sale da concerto istigando ogni genere di pubblico alle danze.

Alpenstock – Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze tel. 055/422.03.61), in prima nazionale, sabato 29 alle 21 c’è «Alpenstock»  del drammaturgo francese Rémi De Vos, regia Angelo Savelli; protagonisti Antonella Questa, Ciro Masella e Fulvio Cauteruccio. La pièce è ambientata nel montano Kyrolo, regione immaginaria ma non troppo dove abitano, in una linda casetta, Fritz e Greta. Lui passa le giornate in ufficio con pile di scartoffie fantozziane, lei fa sempre le pulizie, finché a scombinare il ménage arriva Yosip Karageorgevitch Assanachu, di nazionalità balcano-carpato-transilvana … Biglietti 16 / 14 euro. Domenica 30 Aprile alle 21.30 la Fossati Project Band presenta «Viaggio di un poeta», omaggio a Ivano Fossati, che ripercorre gran parte della vita artistica dell’autore genovese. Ai musicisti (Stefano Torracchi al pianoforte e voce solista, Alessandro Solenni alle tastiere, Marco Polidori al basso, Daniele Pacini alla batteria, Diego Lopilato alla chitarra acustica e chitarra elettrica, Maela ChiappiniI, voce solista) si unisce Riccardo Galardini, compositore, arrangiatore e chitarrista di Ivano Fossati dal 2002 al 2012. In scena anche l’attore Duccio Mantellassi. Parte dei proventi della serata sono destinati all’Associazione Tumori Toscana – A.T.T. – di Prato e Firenze. Per info: 333.6482778 oppure 055 422 .03.61

Festa del Calendimaggio a San Salvi – Il 1° maggio a San Salvi Festa nel Parco per il Calendimaggio. Ingresso libero. Dalle 16 Dipingi il tuo manifesto: un invito a realizzare liberamente manifesti, che saranno poi affisso sui muri di Firenze. Dalle 18:30 Danze Popolari con la musica dal vivo degli Adanzé.

Arie d’opera – Arie e brani da “Don Giovanni” e “Le Nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart, da “La traviata” di Giuseppe Verdi e da “Tosca” e “La Boheme” di Giacomo Puccini domenica 30 aprile alle 21 all’Auditorium di Santo Stefano al Ponte (piazza S. Stefano – accesso da via Por S. Maria – biglietti 20/15 euro) nell’ambito della stagione 2017 dell’Orchestra da Camera Fiorentina. Diretto da Giuseppe Lanzetta, l’ensemble porta in primo piano le voci del soprano Selene Fiaschi e del tenore di origine russa Artemy Nagy, interpreti con alle spalle importanti riconoscimenti ed esperienze.

Concerto nel Cenacolo – Al Cenacolo di Santa Croce (Piazza Santa Croce, 16) lunedì 1° e martedì 2 maggio alle 21 suona l’Orchestra da Camera Fiorentina col violista Augusto Vismara e la pianista Elisa Racioppi, in arte Neruda; dirige Giovan Battista Varoli. In programma “Scène andalouse” dello spagnolo Joaquin Turina, il “Concerto per archi” che Nino Rota scrisse per l’ensemble I Musici, il “Concerto per pianoforte in mi bemolle maggiore op. 7 n. 5” di Johann Christian Bach (undicesimo figlio del genio di Eisenach); apre “Zyta Fiba” di Diego Medellín. Biglietto intero 20 euro. Biglietto ridotto 15 euro per studenti (muniti di tesserino) e over 65 (muniti di un documento). Ai titolari della “Firenze Card” del Comune di Firenze sconto di 5 euro (o tre biglietti al prezzo di due). L’ingresso è gratuito per i bambini fino a 12 anni. Prevendite Box Office – via delle Vecchie Carceri, 1 (Firenze) –  tel. 055 210804. Orario: mar/sab 10/19.30 – Lun 15.30/19.30 – www.boxol.it. Prevendita anche presso il Complesso monumentale di Santa Croce nei giorni dei concerti, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 21.

Folks Party – Al Buh! (via Panciatichi 16; ingresso libero soci ARCI) sabato 29 il live di Karpov not Kasparov: dalla cosmopolita Bucarest una delle band più originali degli ultimi anni nei cui suoni riecheggiano influenze jazz, folklore orientale e una forte impronta disco anni ’80. In chiusura il dj set di Saeed Aman, producer e dj iraniano con base a Firenze molto attivo nella nightlife fiorentina.

Loco Dice – Al Tenax (Via Pratese, 46 – apertura porte ore 22:30; ingresso 30/33/35 €, vietato ai minori di 18 anni) Sabato 29 aprile dopo due anni di assenza torna in consolle per Nobody’s Perfect Loco Dice, tunisino di nascita e tedesco d’adozione. Esordì giovanissimo con lo pseudonimo Dice’C nel circuito rap tedesco e si guadagnò l’aggettivo Loco (matto) quando si mise a ballare sul tetto di una nota discoteca di Ibiza mentre lo staff gli intimava di scendere gridandogli “Loco!”.

Mostre – A Palazzo Strozzi dal 10 marzo al 23 luglio 2017 c’è «Bill Viola. Rinascimento elettronico». Una mostra che celebra il maestro statunitense della videoarte contemporanea in dialogo con i capolavori del Rinascimento. Una selezione di 26 opere, dalle prime sperimentazioni degli anni Settanta fino alle grandi installazioni successive al Duemila. Tutti i giorni inclusi i festivi 10-20. Giovedì: 10-23

Plautilla Nelli, Ultima Cena, particolareDal 9 di marzo fino al 4 giugno 2017, grazie alla mostra «Plautilla Nelli. Arte e devozione in convento sulle orme di Savonarola» nella Galleria delle Statue e delle Pitture, presso gli Uffizi, viene presentata la pubblico la figura e la carriera di Plautilla Nelli (Firenze 1524 -1588). Entrò all’età di quattordici anni nel convento domenicano di Santa Caterina in Cafaggio, a Firenze, in Piazza San Marco. Una monaca autodidatta che riuscì a imporre un suo stile e dar vita tra le mura del convento domenicano un piccolo, ma attivo laboratorio artistico e artigiano. Una bottega artistica a tutti gli effetti testimoniata dal ritrovamento di una produzione seriale di opere religiose. Opere la cui vendita fu fondamentale per la vita del Convento di Santa Caterina. Appartiene a Plautilla Nelli la realizzazione de «L’Ultima cena» (attualmente in restauro), l’unica opera conosciuta al mondo che affronti questo tema pittorico e che sia stata dipinta da una artista donna in epoca non moderna. Orario: da martedì alla domenica ore 8.15 – 18.50. Info e prenotazioni: Firenzemusei 055 294883

Una straordinaria selezione di pietre lavorate appartenute alla famiglia Medici, affiancata da un’esposizione di minerali naturali di rara bellezza provenienti dall’Italia e da tutto il mondo, è in mostra al Museo di Storia naturale dell’Università di Firenze, meglio noto come La Specola (via Romana, 17 Firenze – 1° piano). La mostra si intitola «Mineraliter. Pietre mirabili tra Medici e Natura» e resterà aperta fino al 31 dicembre. Il percorso ha inizio dalle origini del collezionismo rinascimentale per giungere  a mostrare la ricchezza scientifica ed estetica delle attuali collezioni mineralogiche del Museo. È esposta una selezione della collezione di pietre lavorate (coppe, vasi, oggetti ornamentali), per la maggior parte proveniente dal cosiddetto Tesoro dei Medici. La passione per l’arte dell’incisione di gemme e pietre dure, infatti, caratterizzò sempre la celebre dinastia, a cui si deve – per iniziativa di Ferdinando I – la fondazione dell’Opificio delle Pietre Dure nel 1588. Nell’esposizione alla Specola, fra gli altri preziosi oggetti, due coppe in diaspro e una coppa in giada nefrite appartenute a Lorenzo il Magnifico, come riporta l’incisione Laurmed. Ma anche la tazza in lapislazzuli a forma di conchiglia, citata dal Vasari, acquistata da Cosimo I nel 1563 dal celebre lapicida milanese Gasparo Miseroni o lo straordinario vaso a navicella in quarzo ialino, scavato e lavorato da un unico blocco, di manifattura fiorentina della fine del XVI secolo. Alcuni oggetti risalgono invece all’epoca lorenese, come la tabacchiera in malachite, montata in  oro, di manifattura spagnola, probabile dono per le nozze di Pietro Leopoldo di Lorena con Maria Luisa di Borbone. Orario: fino al 31 maggio da mart a dom. 9.30-16.30. Dal 1° giugno 10.30-17.30. € 6/3. Il biglietto comprende anche la visita alla Collezione Zoologica al 2° piano. Info e visite guidate: 055 2756444.

A Villa Bardini (Costa S. Giorgio, 2) dal 14 aprile al 9 luglio c’è «Nero su Nero. Da Fontana e Kounellis a Galliani». Curata da Vera Agosti, la mostra è una riflessione sull’uso del nero nella pittura e nella scultura italiana attraverso una selezione di 31 lavori di maestri rappresentativi dei principali momenti della storia dell’arte contemporanea italiana: lo Spazialismo con 5 tagli neri di Lucio Fontana e un’opera di Paolo Scheggi; l’Informale con un Catrame di Alberto Burri e un raffinato piatto; il Concettuale con Vincenzo Agnetti; l’Arte Povera con una grande scultura di Mario Ceroli e un lavoro di Jannis Kounellis. Spazio anche alla moda con il nero di Capucci in dialogo con tre lavori di Alberto Burri. E ancora, la Pop Art con quattro tele di Tano Festa e Franco Angeli, la Transavanguardia con il dipinto “La Monaca” di Enzo Cucchi; esposte inoltre opere di personalità singolari come Gino De Domincis e Nunzio; il gruppo degli Anacronisti e il Magico Primario è rappresentato da Omar Galliani.

Al Museo Stibbert (Via Federigo Stibbert, 26) fino al 10 settembre c’è la mostra «Robot fever: il samurai nell’era dei chogokin». Ingresso 8 euro.

Il 1 maggio sarà l’ultimo giorno per visitare la mostra Klimt Experience nella Chiesa di Santo Stefano al Ponte.

CALENZANO (FI)

Domenica 30 aprile, a Calenzano, la gran fondo di cicloturismo Giglio d’Oro Alfredo Martini a dare il via alla quarta edizione del circuito Terre dei Medici. Il circuito è composto da sette prove tra le province di Firenze, Prato e Arezzo ((11 giugno la gran fondo Colli del Chianti Cascine del Riccio, con partenza da Impruneta; il 25 giugno la gran fondo Città di Rufina; il 9 luglio la gran fondo del Casentino, da Poppi; il 3 settembre la gran fondo del gusto, da Firenze; il 10 settembre il giro della Toscana dal Galluzzo e l’8 ottobre la gran fondo “Sulle orme di Leonardo”, da Prato). La prima prova sarà dedicata alla memoria di Alfredo Martini, vera e propria leggenda delle due ruote, che da ct azzurro conquistò sei mondiali su strada. Sette appuntamenti. Saranno premiate sia le prime 15 società in base al punteggio che avranno conseguito al termine del circuito che individualmente tutti coloro che avranno effettuato i sette percorsi.

La sua colpa? Avere insegnato in francese, lingua del colonialismo, “storie oscene” dalle “Mille e una notte”. Quella di Atika è una storia realmente accaduta, ad Algeri, durante la guerra civile, ed è al centro dello spettacolo “La donna fatta a pezzi”, in prima nazionale da sabato 29 alle 21 e domenica 30 alle 16.30 al Teatro delle Donne di Calenzano (via Mascagni 18; biglietti 13/10/5 euro – prevendite www.boxofficetoscana.it / www.boxol.it info www.teatrodelledonne.com –  tel. 055 8877213 / teatro.donne@libero.it). “La donna fatta a pezzi” è tratto dall’omonimo racconto della scrittrice algerina Assia Djebar – contenuto nella raccolta “Nel cuore della notte Algerina” – prima autrice del Maghreb a essere ammessa all’Académie française e tra i primi scrittori nordafricani a trattare il tema della condizione femminile. Adattato da Filippo Renda, che con Martina Vianovi cura anche la regia, il testo vede protagonista Antonio Fazzini.

SESTO FIORENTINO

Il 1° Maggio all’Istituto De Martino (Villa San Lorenzo al Prato) si inaugura il Festival InCanto con una maratona musicale: i “Suonatori Terra Terra”, Fabio Balzano che canta la rabbia di Rosa Balistreri, il Coro Novecento di Fiesole, il Coro Garibaldi d’assalto di Livorno; LeMusiQuorum, coro femminile di Firenze, Roberto Bartoli e Paola Sabbatani e tanti altri artisti specializzati in tradizioni popolari. Chiudono Riccardo Tesi, Maurizio Geri e Claudio Carboni, fondatori di Banditaliana.

CAMPI BISENZIO (FI)

Il 1 maggio Campi Bisenzio ospiterà la prima edizione della Color Vibe, all’interno della festa dello sport presso il Parco di Villa Montalvo. Dopo la corsa non competitiva, una grande festa nel cuore del Vibe Village: ogni concorrente avrà a disposizione una bustina di colore da poter utilizzare e, seguendo il ritmo dello speaker ufficiale, ogni 15 minuti circa ci sarà un magico “lancio collettivo”. Dalle 14.

LASTRA A SIGNA (FI)

Al Museo Villa Caruso (Via di Bellosguardo 54, Lastra a Signa) per l’80° Maggio Musicale Fiorentino sabato 29 alle 17 c’è «Dòn fatale: travisamenti e falsi storici di un dramma e di un melodramma», conversazione-concerto a cura di Vincenzo Ramón Bisogni; musiche di Giuseppe Verdi e Franz Liszt, col soprano Maria Gaia Pellegrini accompagnata da Elisabetta Sepe; pianoforte solista: Seonmi Kim. Ongresso libero.

CERRETO GUIDI (FI)

Domenica 30 aprile Empoli Jazz Winter & Spring si sposterà nella splendida Villa Medicea di Cerreto Guidi per il sesto International Jazz Day Unesco.Alle 18 visita guidata alla villa, alle 19.30 Aperijazz, alle 20 presentazione del libro «L’ottava nota» di Gianluca Monastra. Alle 21.15 è previsto il concerto Groove&Move con Pasquale Mirra e Gabriele Mitelli.

MARINA DI CANDELI (BAGNO A RIPOLI – FI)

Il 1° maggio dalle 8.30 del mattino c’è la Festa dell’Arno. Programma sul sito di Marina di Candeli

PONTASSIEVE (FI)

Nella Sala Eroine Comune di Pontassieve (via Tanzini) sabato 29 alle  ore 21.30, per la Giornata Internazionale del Jazz, suona il Franco Baggiani 5tet col chitarrista spagnolo Fernando Marco. Ingresso libero.

RUFINA (FI)

Sabato 29, domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio torna la Sagra del Cacciucco e Gamberoni alla Griglia allo Stadio Comunale della Rufina. Aperto tutte le sere dalle 19:00, domenica, il 25 aprile e il 1 maggio anche a pranzo dalle 12:00.

MARCIALLA (FI)

Al Teatro Comunale Regina Margherita di Marcialla (Via Amelindo Mori, 24, Marcialla, Barberino Val D’Elsa – Firenze) “Concerto di primavera” con la filarmonica “Giuseppe Verdi” di Marcialla; direttore Adriano Scoccati. Ingresso libero.

BORGO SAN LORENZO (FI)

Oltre al Canta Maggio per le strade il 1 maggio, c’è anche la sagra del prugnolo e del tortello mugellano per tutto il fine settimana.

EMPOLI (FI)

Fino al 7 maggio al Palazzo delle Esposizioni (via Guido Guerra) c’è la sagra del carciofo empolese.

PRATO

Al RIFF CLUB (Via Dino Saccenti, 31-33 – PRATO. Tel. 338 190 53 49; dalle 22.30; Ingresso soci ACSI; nessun biglietto d’ingresso) si ascolta Pino Scotto, icona dell’Hard Rock nazionale. Presenta il nuovo disco “Live for a Dream”, 16 brani live e 2 inediti per un viaggio nella carriera dell’artista, dai suoi esordi ad oggi. Durante la sua carriera solista, Pino Scotto ha modo di condividere il palco con alcuni dei mostri sacri del rock internazionali: i Deep Purple, ZZ Top, i Motorhead e Nathaniel Peterson (storico bassista di Eric Clapton, con cui ha scritto il brano “La Resa Dei Conti”).

PISTOIA

Al Teatro Manzoni (Corso Gramsci 127) per l’80° Maggio Musicale Fiorentino, replica di «Idomeneo» di Wolfgang Amadeus Mozart. Sul podio dell’Orchestra e del Coro del Maggio Musicale c’è Gianluca Capuano; nel ruolo eponimo il tenore Michael Schade; Ilia ed Elettra sono i soprani Ekaterina Sadovnikova e Carmela Remigio; Idamante è il mezzosoprano Rachel Kelly; regia di Damiano Michieletto. Biglietti da 20 a 140 euro; ancora disponibili, anche online, biglietti di galleria a 35 e qualche posto a visibilità limitata (20 euro). Biglietteria del Teatro Manzoni: sabato  11-13 e 16-19 e prima dello spettacolo.

Penultimo concerto per la 56° Stagione di Musica da Camera della Fondazione Pistoiese Promusica: sabato 29 aprile alle ore 18 salirà sul palco del Saloncino della Musica di Palazzo De’ Rossi l’Ars Trio di Roma composto da Laura Pietrocini (pianoforte), Marco Fiorentini (violino), Valeriano Taddeo (violoncello). Il programma della serata avrà come protagonisti due compositori d’oltralpe: in apertura Claude Debussy con la Sonata n. 3 per violino e pianoforte, Trio in sol maggiore per violino, violoncello e pianoforte e di seguito Maurice Ravel con la Sonata per violino e violoncello, Trio per violino, violoncello e pianoforte.

MONTEPULCIANO (SI)

Sabato 29 Concerto di chiusura del Festival di Pasqua al Teatro Poliziano (Via del Teatro, 4, Montepulciano): alle 18 Alexander Lonquich al pianoforte suona Beethoven (Sei Bagatelle op.126, Sonata in la bemolle maggiore op.26) e Schubert (Sonata in la minore op.42 D845); alle 21.15 Ramin Bahrami e Danilo Rea presentano «Due pianoforti in dialogo», concerto introdotto da Massimiliano Pani.

TERRANUOVA BRACCIOLINI (AR)

Sarà «Castro», il documentario di Paolo Civati vincitore del Concorso Italiano al 57/mo Festival dei Popoli che racconta la vita nell’omonima occupazione abitativa romana, ad inaugurare la 7/a edizione di Sguardi sul Reale sabato 29 aprile alle 21.30 presso l’auditorium Le Fornaci di Terranuova Bracciolini (via Vittorio Veneto 19, Ar). Realizzata in più di un anno e mezzo di riprese all’interno di un palazzo di cinque piani nel quartiere San Giovanni, l’opera segue la vita quotidiana dell’umanità varia che lo ha animato, tra amori, lotte e sogni, in attesa di uno sgombero annunciato e dell’ignoto che verrà. Durante la proiezione L’autore sarà in sala insieme ai protagonisti del suo film, per incontrare il pubblico in un dibattito coordinato da Daniele Corsi. In apertura, alle 19.30,  aperitivo nel foyer a cura di #QuasiQuasi_social cafè_.

Tag:, , , , , , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.