Critiche al rottamatore dal sindacato Uil

Banche: Il segretario Uilca, Renzi è assillato dalle banche, lo aspettiamo davanti al Tribunale di Arezzo

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

ROMA – «In questi ultimi giorni il segretario del PD, Matteo Renzi, si sta occupando in maniera assillante delle banche». Il segretario generale della Uilca, Massimo Masi, replica così alla sua ultima affermazione «i banchieri e i manager che hanno sbagliato devono pagare».  Si tratta del sindacato UIL Credito Esattorie e Assicurazioni, che si riferisce ai lavoratori delle imprese operanti nel settore bancario assicurativo ed esattoriale.

«Sono felicissimo – dice Masi – che il segretario del PD abbia copiato integralmente (potrei chiedere i diritti d’autore) molteplici mie dichiarazioni e comunicati stampa rilasciati in questi ultimi anni. Non posso che dare il benvenuto a Renzi fra coloro che chiedono conto e giustizia – aggiunge Masi – per gli errori grossolanamente compiuti da manager infedeli e banchieri incapaci. Quello che più mi meraviglia – continua Masi – è che noi, da sempre, difendiamo le lavoratrici e i lavoratori del credito, i risparmiatori e le PMI, mentre Renzi, quando era Presidente del Consiglio, a riguardo ha fatto poco e male.
Dobbiamo ricordare la legge sulle Banche Popolari che la Uilca ha osteggiato con ogni mezzo e che ancora oggi siamo in attesa di un giudizio della Corte Costituzionale? Ricordiamo la legge sulle Banche Cooperative che ancora dopo anni non ha trovato una soluzione? Ricordiamo tutti l’intervento sulle 4 banche andate in risoluzione (Banca Etruria, Banca Marche, CariFerrara e CariChieti) – sottolinea Masi – che hanno messo sul lastrico migliaia di risparmiatori. La Uilca critica da anni, con spirito costruttivo e rispettandone l’autonomia, il comportamento e i mancati controlli da parte di Banca d’Italia – evidenzia Masi – e nel contempo ha criticato la nomina dei Commissari nelle banche in crisi che non sono di estrazione manageriale, ma solo scelte politiche fra burocrati che hanno causato danni enormi a queste banche».

Quindi l’ultimo affondo nei confronti del rottamatore pentito «Diamo il benvenuto a Renzi nella nostra battaglia contro i manager e i banchieri incapaci – conclude Masi -. Gli  chiediamo di unirsi a noi, magari aiutandoci con le spese legali che sosterremo per la costituzione della Uilca nel processo contro i manager e i componenti del Consiglio d’Amministrazione della banca aretina. Lo aspettiamo davanti al tribunale di Arezzo».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.