Cosa fare di giorno e di sera

Week End 13-14 gennaio a Firenze e in Toscana: spettacoli, eventi, mostre

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Primo piano

 

FIRENZE

La Carmen delle polemiche – Sabato 13 alle 20 e domenica 14 alle 15.30 al Teatro del Maggio repliche della «Carmen» di Georges Bizet che tante polemiche (più politiche che artistiche, alla perfine) ha suscitato da che, a qualche giorno dalla prima, fu divulgata l’idea del cambio di finale come segnale di protesta contro il femminicidio. Sabato è in scena il cast B con Marina Comparato (Carmen), Sergio Escobar (Don José), Valeria Sepe (Micaela); domenica il cast A, nel quale i ruoli principali sono ricoperti rispettivamente da Veronica Simeoni, Roberto Aronica e Laura Giordano. Il torero Escamillo in entrambi i cast è il turco Burak Bilgili; Frasquita è Eleonora Bellocci, Mercédès è Giada Frasconi. Orchestra e Coro del Maggio diretti da Ryan McAdams. Biglietti esauriti da un mese.

Il Beckett di Mauri e Sturno – Glauco Mauri e Roberto Sturno sabato 13 alle 20.45 e domenica 14 all 16.45 al Teatro della Pergola (via della Pergola 18) portano in scena «Finale di partita» di Samuel Beckett. Sul palco ci sono anche Elisa Di Eusanio e Mauro Mandolini. La regia è di Andrea Baracco, che commenta: «È una parodia, l’unica forma che sbeffeggia le altre nell’epoca della loro impossibilità, incentrata intorno alla domanda: che cosa vuol dire esistere? Il teatro non può far altro che dichiarare la negatività del presente e avere una sua positività proprio nella dichiarazione del negativo». Biglietti da 14 a 34 euro. Biglietteria Via della Pergola 30, Firenze, 055.0763333 – biglietteria@teatrodellapergola.com. Dal lunedì al sabato: 9.30 / 18.30. Circuito regionale Boxoffice, anche online

Amici della Musica – Il 2018 degli Amici della Musica prende il via sabato 13 alle 16 al Teatro della Pergola con Giuseppe Albanese, pianista fra i più richiesti pianisti della sua generazione, che nel centenario di Debussy esegue la Suite bergamasque e i Quattro Preludi (Des pas sur la neige, Brouillards, Ondine, Ce qu’a vu le vent d’Ouest), oltre alla Polacca-Fantasia in la bemolle maggiore op. 61, la Fantasia in fa minore op. 49 e la Ballata n. 4 in fa minore op. 52 di Chopin. Domenica 14 alle 21, al Saloncino, pagine di Schumann e Brahms per il concerto del Quartetto Fonè, che insieme a Duccio Beluffi alla viola e Beatrice Pomarico al violoncello aprono il progetto Sehnsucht, che indaga l’universo schumaniano in tre declinazioni fondamentali: l’anelito ad una “nuova era poetica”, il rapporto del compositore con i suoi contemporanei e la relazione profonda tra parola e canto nei suoi lieder. Biglietti da 14 a 25 euro. Info allo 055 607440 e su www.amicimusicafirenze.it.

Bustric al Verdi – Sabato 13 gennaio alle 16.30, al Teatro Verdi (via Ghibellina 99) Bustric si presenta con uno dei suoi cavalli di battaglia: Bustric e la Musica del Libro della Giungla. Non il cartone disneyano del 1967 musicato dai fratelli Sherman, ma la celebre partitura di Miklos Rozsa, compositore ungherese naturalizzato statunitense che ha firmato il primo «Libro della Giungla» (Jungle Book), film di Zoltan Korda nel 1942. Ideazione scenica e regia di Bustric, direttore Carlomoreno Volpini, Orchestra della Toscana; durata 50 minuti circa. Biglietti posto unico: bambini 5,00 euro, adulti 8,00 euro. Biglietti in vendita presso la Biglietteria del Teatro Verdi di Firenze e online su www.teatroverdifirenze.it Non è prevista nessuna prenotazione telefonica.

Diaframma alla FLOG – All’Auditorium FLOG W live (via M. Mercati 24b; www.auditoriumflog.com) sabato 13 dalle 21.15 rituale appuntamento di gennaio coi Diaframma di Federico Fiumani (nella foto) & C. Una carriera musicale che, per importanza, longevità e, soprattutto, originalità non ha molti altri esempi possibili nel campo della musica italiana. Ora è appena uscita un’antologia, “The Self Years”, ovviamente curata e selezionata dallo stesso Federico Fiumani. Segue RockDance con Folie à Deux Djs. Ingresso € 13 – € 10 ridotto.

L'ultimo haremL’ultimo harem – Da giovedì 11 a domenica 21 gennaio al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303; info 055/422.03.61 www.toscanateatro.it) torna «L’ultimo Harem», in cartellone tutti ormai dal lontano 2004; una specie di codificata liturgia teatrale che ogni sera ha qualcosa di magico e unico e il cui fascino non si appanna, per il pubblico che da anni torna a riempire il palco, seduti su tappeti e cuscini intorno alla scena di un lussuoso harem-hammam. Biglietti 16 / 14 euro.

Commedia dell’Arte – Al Teatro Le Laudi (Via Leonardo da Vinci, 2r) sabato 13 alle 21 e domenica 14 alle 17 la Compagnia e Scuola Teatro d’Almaviva in «Processo al teatro. Comedia ridiculosa di maschere innanzi  al potere»; regia: Lorella Serni, con Duccio Barlucchi, Lorella Serni, Andrea Donnini, Carlotta Cecchi, Tommaso Daffra, Francesca Ingold, Elena Lampugnani, Vincenzo Laurenza, Dania Menafra, Serena Scodellari, Gianni Trippi, Maravillas Barroso, Emma Castagnoli, Irene Nava, Cosimo Donnini. testi di Commedia dell’Arte intrecciati ad estratti da Bertold Brecht (Breviario di estetica teatrale), in cui il Teatro stesso, nella figura di Pedrolino (celebre nel ‘700 al fianco di Arlecchino & c, divenuto poi Pierrot in Francia) è giudicato da un Tribunale ostile quanto ridiculoso, che l’ha già condannato come elemento perturbatore, vizioso, immorale, dunque dannoso alla società. Biglietti euro 14, Fidaty 12, Studenti teatro e Gruppi (min 10) 10. Info 055 572831 (Teatro Le Laudi) e 335 5915607 (Almaviva).

Andrea Muzzi e La Bella e la Bestia – Al Teatro Puccini (Via delle Cascine 41) sabato 13 e domenica 14 gennaio ore 16.45 Pupi di Stac  presenta «La Bella e la Bestia» di Enrico Spinelli, regia di Pietro Venè, burattini originali di Laura Landi, adattamento dei personaggi di Beatrice Carlucci, costumi di Cristina Bacci, scenografie di Enrico Guerrini, musiche di Enrico Spinelli. Biglietti euro 8 (diritti di prevendita esclusi); prevendite Box Office. Informazioni: 055.362067 – 055.210804. Al Ridotto del Teatro Puccini sabato 13 gennaio alle 21.30 Andrea Muzzi (nella foto) presenta il suo spettacolo «All’alba perderò (Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore)», di Andrea Muzzi e Marco Vicari. Cosa ha spinto il pugile Eric Crumble a salire sul ring 31 volte e a subire 31 ko di fila? Perchè il giovane bassista Stuart Sutcliffe ha abbandonato dopo soli due anni un complessino di Liverpool che riteneva senza futuro («Gli scarafaggi»)? Questi e altri illustri perdenti danno spunto a Muzzi di affrontare con ironia e leggerezza l’ultimo tabù della nostra società: il fallimento. Biglietti 15 / 10 euro.

Feydeau al Cestello – Al Teatro di Cestello in San Frediano sabato 13 alle 20.45 e domenica 14 alle 16.45 ultime repliche di «Dove vai tutta nuda signora Ventroux?» di Feydeau, con la regia di Marco Predieri (info e prenotazioni 055.294609).

Festa in famiglia – Al Teatro Reims di via dell’Oriuolo sabato 13 alle 21 e domenica 14 alle 17 va in scena «Festa in Famiglia» di Ayckbourn. Info teatroreims.it

Favole al Lumière – al Teatro Lumière (via di Ripoli 231) sabato 13 e domenica 14 la compagnia di casa ArsAnte in «C’era una volta… il regno delle favole», regia di Paola e Maurizio Del Buffa: quando sulla terra qualcuno racconta una fiaba, nel regno delle favole i vari personaggi entrano in azione e recitano la loro parte. Ma sulla terra si è persa la fantasia e quasi più nessuno racconta le favole, trovando più semplice mettere i bambini davanti alla TV. Così il regno delle favole è in crisi e i personaggi stessi sono disoccupati e fuori allenamento, perdono la loro aura fantastica e rivelano i curiosi aspetti delle loro personalità fino ad ora sconosciuti. Ecco allora che il Re delle favole ha un’idea…

Lanzoni al Pinocchio – Sabato 13 alle 21.45 al Pinocchio Jazz Club (Viale Donato Giannotti, 13) suona il pianista Alessandro Lanzoni. Ingresso soci ARCI.

International Skate Awards – Tornano sabato 13 e domenica 14 le star del pattinaggio artistico per «International Skate Awards» al Mandela Forum (Piazza Enrico Berlinguer). Sabato alle 21 performance degli atleti Top Champions; domenica dalle 16 musical con i pattini «Soffio di cotone», che prende spunto da vicende realmente accadute nel periodo della guerra di secessione americana. Tra gli ospiti artisti di spicco come Giò Di Tonno (quello di «Notre Dame de Paris») e il coro gospel The Pilgrims, che interagiranno sulla scena con i pattinatori. Biglietti da 20 a 66 euro.

Cirque Reckless – Nel Palateatro Tenda presso l’Ippodromo del Visarno in Viale degli Olmi – Parco delle Cascine c’è il Cirque Reckless con «Imagine», spettacolo natalizio con acrobati, giocolieri, motociclisti, ventriloqui e ballerini acrobati; giochi di luci e un susseguirsi di coreografie, continui cambi di costume e di scena e tanta, tanta musica. I migliori artisti provenienti dal Cirque du Soleil e dal Festival del Circo di Montecarlo riuniti in un unico spettacolare show. Info cirquereckless.com.

Ponte di Babele alle Oblate – Abbattere muri e costruire ponti partendo dalla lingua. Nasce il Ponte di Babele, un ponte simbolico fatto di libri, sabato 13 gennaio alle 18 presso la sala Conferenze della Biblioteca delle Oblate, quando, in un pomeriggio ricco di eventi, si aprirà la raccolta di libri dedicati a questo nuovo scambio interculturale: nella città di Niš i cittadini hanno donato libri in serbo che presto saranno disponibili a tutti presso le Oblate. Ora, i fiorentini potranno donare volumi in lingua italiana che arriveranno alla cittadinanza serba. Tutti i testi sono ben accetti, che trattino di cucina o storia dell’arte, passando per la narrativa per adulti o per ragazzi.

Tenax – Al Tenax, sabato 13 gennaio (via Pratese 46, apertura porte ore 22.30, ingresso 10/12/15 euro, vietato ai minori di 18 anni)  uno dei top electronic ambassador, ovvero Raresh, punta di diamante del nuovo suono che proviene dalla forte tradizione clubbing dell’est Europa.

Casa Buonarroti e Innocenti – Un fine settimana alla scoperta di Casa Buonarroti, luogo della memoria e della celebrazione del genio di Michelangelo (sabato 13 gennaio) e una visita guidata al Museo degli Innocenti (domenica 14 gennaio), primo brefotrofio specializzato d’Europa e una delle prime architetture rinascimentali su progetto iniziale di Brunelleschi.  Sono queste le iniziative per il fine settimana targate  “Enjoy Firenze”, il cartellone di percorsi guidati alla scoperta dei tesori artistici e architettonici di Firenze e della Toscana in compagnia di esperti e archeologi, a cura di Cooperativa Archeologia (www.enjoyfirenze.it, ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 e a turismo@archeologia.it).

Fiera d’Oltrarno – Domenica 14 Fiera d’Oltrarno in Piazza Santo Spirito.

Sabato 13 gennaio al Teatro Verdi (via Ghibellina 99) la Regione Toscana incontra il mondo del volontariato di Protezione civile regionale in una giornata di riflessione e valorizzazione di quella risorsa che è il volontariato. L’incontro sarà un’occasione non solo per ringraziare dell’impegno profuso nelle attività di protezione civile ma anche per dare un’indicazione degli sviluppi del sistema di protezione civile nazionale e regionale. La mattinata si apre alle 9.30 per concludersi alle 13.00 con tante presenze, dal presidente della Regione Toscana, al capo dipartimento della Protezione Civile nazionale.

Mostre – Dal 21 settembre 2017 al 21 gennaio 2018 Palazzo Strozzi ospita «Il Cinquecento a Firenze», aperta anche a Capodanno. Oltre settanta opere di artisti in dialogo fra loro. Ultimo pezzo d’una trilogia di mostre di Palazzo Strozzi a cura di Carlo Falciani e Antonio Natali, iniziata con Bronzino nel 2010 e Pontormo e Rosso Fiorentino nel 2014, la rassegna celebra un’epoca culturale segnata dalla Controriforma del Concilio di Trento e dalla figura di Francesco I de’ Medici, uno dei più geniali rappresentanti del mecenatismo di corte in Europa. Importante la campagna di restauri condotta in occasione dell’esposizione. Tutti i giorni inclusi i festivi 10-20, giovedì 10-23. Info 055 2645155, www.palazzostrozzi.org

L’importanza dell’arte tessile a Firenze nel Trecento, sia dal punto di vista economico che nel campo della produzione artistica e nei costumi della società del tempo, è illustrata dalla mostra «Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura» che la Galleria dell’Accademia (via Ricasoli) ospita fino al 18 marzo 2018. Dipinti, un vestitino in lana prestato dal National Museum di Copenhagen, confezionato a metà del XIV secolo per una bimba, recuperato dagli archeologi in Groenlandia, il piviale del Museo Nazionale del Bargello.

Nella chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte fino al 1 maggio 2018 c’è la mostra Monet Experience and the Impressionists. Tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle 10 alle 19.30. Ogni domenica mattina tra le 10 e le 12,30, durante la rappresentazione immersiva i danzatori della Lyricdancecompany proporranno spettacolari interventi ispirati a Monet e al mondo impressionista, con le coreografie firmate da Alberto Canestro, direttore della compagnia. I ballerini si avvarranno della scenografia unica di ‘Monet Experience’, dopo il positivo riscontro di pubblico del primo esperimento di fusione della danza con le mostre multimediali proposte da Crossmedia a Santo Stefano al Ponte, in occasione di ‘Klimt Experience’. La biglietteria chiude alle 18.30. Intero 13 euro, 10 per studenti e over 65. Pagano 5 euro i bambini dai 5 ai 12 anni, gratuito sotto i 5 anni. Agevolazioni per le famiglie da 4, 5 o 6 persone, che pagano rispettivamente 34, 40 e 44 euro. In gruppo (minimo dieci persone) si paga 9 euro.

Al secondo piano di Palazzo Pitti, tesori tratti dalle raccolte del cardinale Leopoldo de’ Medici (1617-1675). Vero ‘Principe dei collezionisti’, come sottolinea il titolo della mostra aperta fino al 28 gennaio al Museo degli Argenti di Pitti, fondò fra l’altro la raccolta degli Autoritratti e gettò le basi del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi con oltre 11.000 preziosi acquisti. Uno degli ultimi grandi personaggi della famiglia… Omaggio dovuto a 4 secoli dalla nascita! I quadri più importanti sono rimasti nelle Gallerie ma un apposito percorso permette di riconoscerli.

Nella Galleria Poggiali (via della Scala, 35/A-29/A e via Benedetta 3r) mostra personale di Eliseo Mattiacci dal titolo Misurazioni a cura di Lorenzo Bruni. La prima personale dell’artista di Cagli a Firenze dopo quasi 40 anni da quella che si tenne nel 1980 alla Galleria di Vera Biondi, per osservare da un’angolazione inedita il percorso che Mattiacci ha sviluppato in più di 50 anni di lavoro; 28 opere tra disegni, acquarelli e istallazioni. Fino al 24 febbraio.

È stata prorogata fino al 25 marzo 2018 a Pistoia l’esposizione nella chiesa di San Leone del gruppo scultoreo della «Visitazione» di Luca Della Robbia, eseguito intorno al 1445 per la chiesa di San Giovanni Fuorcivitas di Pistoia e recentemente restaurato all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze grazie al sostegno dei musei americani «Museum of Fine Arts» di Boston e della «National Gallery of Art» di Washington, che l’hanno tenuta in esposizione fino a luglio 2017.

A Siena è aperta al pubblico fino al 21 gennaio 2018, la mostra sul celebre pittore senese Ambrogio Lorenzetti, allestita presso il complesso museale di Santa Maria della Scala, a Siena. Il contributo che Ambrogio diede alla città è ancora tangibile in diversi edifici , ma molte delle sue opere sono finite in importanti musei sparsi in giro per il mondo. La Mostra ne fa tornare o giungere una prima volta nella terra del loro artista diverse.

FIESOLE (FI)

Domenica 14 gennaio, ore 11, all’Auditorium Sinopoli della Scuola di Musica di Fiesole – Via delle Fontanelle 24, Fiesole (FI) il primo appuntamento con Momenti Musicali 2018 è dedicato a Schumann. Protagonisti il Trio Vox e l’ensemble composto da Giovanni Riccucci (clarinetto), Stefano Zanobini (viola) e Irene Novi (pianoforte). Ingresso libero.

SCANDICCI (FI)

Al Teatro Studio di Scandicci (via Donizetti 58) sabato 13 alle 21 vanno in scena le «Costellazioni» del drammaturgo inglese Nick Payne, regia di Silvio Peroni, con Aurora Peres e Jacopo Venturiero. Biglietti 14 / 12 / 10 euro.

SIECI (FI)

Al Dietro Le Quinte (via Aretina 150/a, Sieci) sabato 13 alle 21.30 Alien Roy Group, formazione che allinea musicisti di lungo corso come il tastierista Roy Binder Gallupi, Corrado Cerbara al basso, Gianni Salaorni alla chitarra e Leo Antonini alla batteria. Il loro concerto è un viaggio nel repertorio sconfinato di Eumir Deodato, tastierista brasiliano – vincitore nel 1974 del Grammy Award per la migliore performance strumentale – che ha conciliato latin jazz, pop, rock, disco e funky, coniando un crossover che ha fatto scuola. Ingresso 12 euro, comprendente buffet di prodotti tipici del territorio (dalle ore 20 alle ore 21,30). Ingresso soci Acsi, per iscrizioni online http://entro.in/club/online.php?PR=dietrolequinte. Domenica 14 alle 18.30 Solchi Sperimentali Fest, feat. AAL (almost automatic landscapes) F.ormal L.ogic D.ecay in concerto. Flusso sonoro sperimentale a cura di Edø Pistø Sømi. Presenta Antonello Cresti, compositore, saggista e giornalista fiorentino che da tempo si occupa di musiche “altre”, riverberi sociali e di costume che le culture underground portano con sé. Ingresso 8 euro.

CAMPI BISENZIO (FI)

Sarà «Le canzoni sfortunate», pièce di teatro musicale firmata da Andrea Bruno Savelli, ad accompagnare gli spettatori in un dialogo generazionale tra un professore (Nicola Pecci) e il suo alunno (Lorenzo Socci) alle soglie dell’esame di maturità sabato 13 gennaio alle ore 21 al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante, 23). L’evento, prodotto con il contributo di Città Metropolitana di Firenze sarà scandito dalle note del grande autore italiano Fabrizio De Andrè (posto unico 10€). La rappresentazione ha debuttato per Ape Regina – Il teatro su tre ruote, progetto targato Teatrodante Carlo Monni in collaborazione con Città Metropolitana di Firenze.

CALENZANO (FI)

Sabato 13 alle 21.15 e domenica 14 alle 16.30 al Teatro Manzoni di Calenzano (via Mascagni 18; biglietti 13/10/5 euro) Monica Bauco, Marcella Ermini e Vania Rotondi portano in scena “Un piede in paradiso”, testo dell’autrice belga Virginie Thirion affidato alla regia di Dimitri Milopulos con musiche originali di Marco Baraldi. Tra tragico e il comico, sentimenti profondi e cinismo, trasmette con leggerezza il disagio di donne che non si arrendono.  In cerca del prossimo pasto, tutt’altro che garantito; in cerca di compassione, di comprensione, di perdono, d’amore. Biglietti da 7 a 13 euro. www.teatrodelledonne.com

VICCHIO (FI)

Domenica 14 Gennaio, alle ore 16, verrà proiettato presso il Teatro Giotto di Vicchio il documentario “Barbiana ’65. La lezione di Don Milani”. Un film-documentario su don Lorenzo e i suoi ragazzi di Barbiana (distribuito da Istituto Luce-Cinecittà) nato dal recupero del materiale girato da Angelo D’Alessandro nel dicembre 1965 a Barbiana, ritrovato dal figlio Alessandro dopo la morte del padre. È di fatto ad oggi l’unico documento esistente con don Milani in scena, che narra, che parla, che spiega. Ingresso 5 euro, ridotto a 4 euro per gli studenti, 2 euro per bambini e soci UniCoop Firenze. Per Info e prenotazioni: Associazione Jazz Club of Vicchio c/o Negozio Rocci Via Garibaldi, 2 Vicchio (FI) dal mar al sab 9.00/13.00 e 16.00/19.30, tel. 055 844017

PRATO

Sabato 13 alle 19.30 e domenica 14 alle 16.30 al Teatro Metastasio il vincitore del Premio Ubu 2017 come miglior attore Roberto Latini porta in scena l’ultimo dei capolavori pirandelliani, l’incompiuto «I giganti della montagna», riflessione sul rapporto strettissimo tra vita e arte, realtà e teatro, persona e personaggio, attore e pubblico. La scelta di Latini (che con questo spettacolo ha vinto il Premio della Critica 2015) è quella di farsi carico di tutti i personaggi e di trasformare la vicenda della scalcagnata compagnia teatrale guidata dalla contessa Ilse in una partitura per unica voce, coronata dalla musica di Gianluca Misiti (Premio Ubu 2015), inscritta in una scenografia crepuscolare e misteriosa realizzata da Silvano Santinelli, sovrastata da video proiezioni di Barbara Weigel e immersa nei giochi di luci di Max Mugnai. Info Teatro Metastasio – tel 0574 608501.

All’interno della rassegna MET Rarazzi, al Teatro Fabbricone sabato 13 alle 17 andrà in scena «Fiabe giapponesi», spettacolo che Chiara Guidi ha ideato e realizzato con i musicisti Giuseppe Ielasi, Enrico Malatesta, Natàn Santiago, in scena con lei. Concerto per voce, percussioni, dispositivi di playback, strumenti elettroacustici, vibrafono e flauti, per bambini e adulti (a partire dai 6/7 anni d’età). Biglietti: ragazzi 6 euro, adulti 7 euro; info e prenotazioni 0574 608501, biglietteria@metastasio.it

PISTOIA

Al Teatro Manzoni sabato 13 e domenica 14 «Sisters. Come stelle nel buio» di Igor Esposito, regia Valerio Binasco, con Isabella Ferrari e Iaia Forte, scene Carlo De Marino, costumi Sandra Cardini, musiche Arturo Annecchino. http://www.teatridipistoia.it

PONTEDERA (PI)

Al Teatro Era (www.teatroera.it) sabato 13 e domenica 14 in prima nazionale Gabriele Lavia si confronta con lo Strindberg de «Il Padre». La casa, la famiglia, la resa dei conti, motivi simbolici costantemente presenti nell’opera strindberghiana, vengono qui portati a un confronto ultimativo, che si impone con la lucidità dell’allucinazione. Una partita inesorabile di dare e avere, dove ogni segno sposta la bilancia di una macchinosa contabilità cosmica.

PISA

Al Teatro Verdi (via Palestro 40) sabato 13 alle 20.30 e domenica 14 alle 15.30 va in scena «Iris», melodramma in tre atti di Luigi Illica, musica di Pietro Mascagni. Il Cieco: Manrico Signorini (13) / Fulvio Fonzi (14), Iris: Paoletta Marrocu (13) / Valentina Boi (14), Osaka: Denys Pivnitskyi (13) / Samuele Simoncini (14), Kyoto: Carmine Monaco d’Ambrosia (13) / Keisuke Otani (14), Dhia/Una Guècha: Alessandra Rossi (13) / Maria Salvini (14), Un Cenciaiolo/Un Merciaiolo: Didier Pieri, Due Cenciaioli: Tommaso Tomboloni, Marco Innamorati, Orchestra Filarmonica Pucciniana, direttore Daniele Agiman, regia e luci Hiroki Ihara, scene Sumiko Masuda, costumi Tamao Asuka, coreografie Rina Ikoma. , Coro Ars Lyrica, Maestro del Coro Marco Bargagna, coro aggiunto per Inno del Sole istruito da Luca Stornello. Nuovo allestimento in coproduzione con Kansai Nikikai Opera Theater Osaka, Teatro Goldoni Livorno, Teatro del Giglio Lucca e Teatro di Pisa. Durata complessiva dell’opera: 3h 5′ ca.

CASTAGNETO CARDUCCI (LI)

Domenica 14 gennaio alle 18.00 al Teatro Roma di Castagneto Carducci (LI) va in scena Dagli Appennini alle Ande… quando migravamo noi, con Sandro Lombardi e David Riondino, canto Francesca Breschi, fisarmonica Massimo Signorini, a cura di Federico Tiezzi, produzione Compagnia Lombardi – Tiezzi.

SIENA

Sabato 13 alle 11 alla Biblioteca comunale degli Intronati, in Via della Sapienza, laboratorio per bambini dai 7 ai 10 anni «Mangia nel tuo piatto!»; ingresso libero e su prenotazione. Per informazioni 0577 292636. Passeggiata dalle 15 con partenza dai Giardini de La Lizza, il percorso attraverserà i luoghi più conosciuti della città con guide d’eccezione ad accompagnare i visitatori. L’iniziativa, a cura dell’Assessorato al turismo Comune di Siena, è gratuita. Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare il numero 0577 391787.

PIANCASTAGNAIO (SI)

Sabato 13 gennaio, ore 21.30 al Teatro Vittorino Ricci Barbini, Piancastagnaio (SI) va in scena Dagli Appennini alle Ande… quando migravamo noi, con Sandro Lombardi e David Riondino, canto Francesca Breschi, fisarmonica Massimo Signorini, a cura di Federico Tiezzi, produzione Compagnia Lombardi – Tiezzi.

 

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.