Bollette elettriche: Adiconsum, associazione dei consumatori, chiede un incontro urgente all’Autorità per l’Energia

ROMA – Un incontro urgente con l’Autorità di regolazione per Energia reti e Ambiente per esaminare la questione degli oneri non riscossi. E’ quanto chiede in una nota il presidente dell”Adiconsum Carlo De Masi che sottolinea come fake news ed iniziative allarmistiche non aiutano a risolvere la questione .«È necessario fare chiarezza per non alimentare illusioni nei consumatori. Non è, infatti, la Procura che può risolvere la questione né il Tar, ma un intervento legislativo, come quello delle bollette a 28gg., scaturito dal confronto tra Associazioni Consumatori e Autorità di regolazione per Energia reti e Ambiente. È con l’ARERA che vanno chiariti innanzitutto entità economica e numerica, attuale e futura, e definiti i correttivi da mettere in campo per evitare che a pagare siano sempre i consumatori finali e onesti. Ad ARERA – prosegue De Masi – chiediamo anche di definire insieme dei blocchi per arginare i furbetti del turismo elettrico, colpevoli del fallimento delle agenzie di vendita, mettendo in atto i necessari distinguo con i poveri energetici (fuel poverty), la cui morosità è dovuta ad effettive condizioni di indigenza e per i quali occorre prevedere un Fondo sociale. Un ultimo passaggio – conclude De Masi – riguarda l’invio, da più parti consigliato, di una raccomandata. Invio del tutto inutile, se, come ha dichiarato l’ARERA, l’aggravio sulla bolletta dovrebbe essere di 2 euro, contro i 5 euro spesi per la raccomandata».

Autorità energia, bollette, consumatori, elettriche

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080