Catania: la procura indaga il caposquadra dei pompieri. Due sono morti nell’esplosione

L’esterno della palazzina di via Sacchero dove si è verificata un’esplosione che ha causato la morte di tre persone

CATANIA – Come al solito i magistrati si giustificano sostenendo che si tratta di atto dovuto, ma la procura catanese ha indagato per disastro colposo e omicidio colposo plurimo Marcello Tavormina, 38 anni, capo della squadra dei vigili del fuoco coinvolti nell’esplosione di una palazzina a Catania. In tale occasione sono morti due suoi colleghi e un quarto è ricoverato con lui nel reparto di rianimazione dell’ospedale Garibaldi. Per la Procura è un’iniziativa dovuta prima di compiere atti irripetibili che confluiranno nell’inchiesta. Ma intanto il coraggioso pompiere, ricoverato anch’egli in ospedale per lo scoppio, dovrà affrontare le spese legali per non essere stritolato dalla macchina infernale della giustizia, come spesso avviene purtroppo anche in queste occasioni.

Caposquadra, indagato, magistratura, pompieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080